Notizie cronaca genova Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 22.42 del 21 Gennaio 2018

L’anfiteatro dei sentimenti

L’anfiteatro dei sentimenti

- Nell’ascoltare alcuni sonetti armonizzati dal melodioso suono della viella (antico strumento ad arco), il pensiero oscilla naturalmente sulla lunghezza d’onda di chi, sentendo la dolorosa assenza dell’amato, ne compone nostalgici versi.

Un sentimento, ben rappresentato in un recente concerto tenutosi nel chiostro del Museo Sant’Agostino in Genova, che fisicamente naufraga nel periglioso mare che separa due esistenze. Da una parte, una donna che osserva l’oceano dalle coste della Galizia e, dall’altra, il suo uomo, di cui ella canta la disperata e vana attesa.

Come che sia, anche e soprattutto in questa sublime sentimento, dovrebbe estrinsecarsi l’inclinazione umana: la ragione della spontaneità, di un sentimento impavido ed intrepido dinanzi al dramma che lo ispira. Nessun rifuggimento da sé. Non la predilezione per più prudenti ed asettici pensamenti.

Il volontario sottrarsi all’Amore (ed ai suoi connaturati patimenti) è uno dei leitmotif della nostra Epoca. Per quanto se ne renda romantica menzione in libri, canzoni e film, l’egemonia del sentimento si è progressivamente indebolita e capitalizzata, so-spinta verso lidi economicamente più parametrabili.

Non a caso, interpolazioni e tattiche si avvicendano, alternandosi, là dove il sentimento raramente trova una via d’uscita rigogliosa e privilegiata, come limpido zampillo d’una sorgente.

L’idea di dedicarsi ad altri è sostanzialmente rimossa da un anfiteatro di sentimenti di nuova generazione che prevede ben altro genere di rappresentazioni. L’invalidamento impresso dalla modernità non contempla l’idea di dedizione, se non verso noi stessi ed a ciò che diviene, di momento in momento, personale bisogno.

Osservando bene, il significato dell’esistenza pare si sia miseramente ridotto a corrispondere, tra i tanti inessenziali bisogni, a quello di raffrenare tutte le istanze naturalmente ingenite nell’animo umano.

Domenica 19 novembre 2017 alle 10:10:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Notizie Genova






























Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News