Notizie cronaca genova Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 17.30 del 20 Gennaio 2018

La scelta protocollare

La scelta protocollare

- Si fa presto a dire: “Agisci per il meglio”. L’affermazione rischia l’aporia. Tende ad assumere il tono di princìpi inesplorati ed inesplorabili, in base ai quali, spesso con troppo anticipo, cantare vittoria e vantare successo.

Viene giusto da chiedersi: può l’essere umano sensatamente scegliere per il suo “meglio” senza il presupposto della conoscenza del futuro cui si riferisce, e stante l’incertezza del suo presente?

In tal senso, nell’avviarsi verso un orizzonte sconosciuto, potrebbe sortire analogo effetto l’alternativa della casualità, cui delegare e circoscrivere questo nostro “meglio”.
Resta un non-sense, ampiamente praticato, l’idea di perseguire il nostro meglio attraverso speculazioni e ragionamenti protocollari, fondati in quanto tali su condotte pre-disciplinate.

Nondimeno, da tale punto di vista, non esercitare compiutamente il proprio arbitrio pare una sommessa resa all’idea ambiziosa di voler tracciare da sé i passi da compiere, di imprimere una erculea volontà rispetto alla dominanza degli eventi.

In buona sostanza, da un lato, l’atonia di cui è l’uomo si rende reo quando delega il proprio presente; dall’altro, l’iperbole di “scegliere” motu proprio, più rispondente alle istanze che lo rappresentano “artefice” del proprio destino (nondimeno, egli lo è, in qualsivoglia modo agisca).

Si biforca così, solo idealmente, la linea tra una visione attiva ed una passiva, tra l’azione e l’inazione.

Non di rado, infatti, una certa spensieratezza di obiettivi e distacco dai risultati viene scambiata per inerzia o viltà. Così come certa compulsione al superamento dei propri “limiti”, viene al contrario interpretata nella vulgata come un erculeo intento di dominio.

Occorre porre rimedio a certe fenomenali cantonate. Non tanto nel convincere i nostri usuali interlocutori della bontà o meno della nostra posizione, tradizionalmente ed irrimediabilmente dispregiabile, quanto nel comprendere noi stessi tale frequente apocalisse (dal greco, rivelazione).

E’ infatti una “chiave di volta” comprendere che la qualità dell’esistenza individuale non deriva sempre e solo da istanze prometeiche od atti di volizione meta-gloriosi.

Domenica 17 dicembre 2017 alle 10:30:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Notizie Genova






























Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News