Notizie cronaca genova Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 07.00 del 27 Luglio 2017

CDBR Summer Lab: il laboratorio estivo della 'Città dei Bambini e dei Ragazzi' al Porto Antico

CDBR Summer Lab: il laboratorio estivo della ´Città dei Bambini e dei Ragazzi´ al Porto Antico

Genova - Perché passare l’estate limitandosi a costruire i castelli di sabbia o a tracciare le piste per le biglie sulla spiaggia? Non sarebbe molto meglio fare volare razzi spaziali e gareggiare macchinine a energia solare su una grande pista? Non si tratta di un sogno infantile o futuristico, ma di quello che effettivamente è possibile fare –e non solo questo- al CDBR Summer Lab, ossia il laboratorio estivo della Città dei Bambini e dei Ragazzi al Porto Antico di Genova. Si tratta di un’offerta ulteriore rispetto alla normale programmazione, che questo centro per l’edutainment, cioè l’intrattenimento educativo, propone ai bambini e alle loro famiglie, per trascorrere le vacanze in modo diverso, senza annoiarsi e senza l’obbligo di stare seduti sui banchi di scuola, ma imparando.

E così grazie al Tinkering Lab, inaugurato lo scorso aprile, i più giovani (dai 6 ai 13 anni) hanno a disposizione, ogni martedì e giovedì, oltre alla programmazione normale del week-end, una serie di attività infrasettimanali nuove e divertenti, a cui si aggiungerà un’installazione a cura dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare.

Si tratta, infatti, di un’area nata per far sì che i ragazzi possano approcciarsi alla scienza attraverso la creatività e la manualità, mettendo in pratica ciò che apprendono nella teoria. Non a caso, appunto, tinker in inglese significa “armeggiare”, e quindi nel Tinkering Lab si prova e si sperimentano, armeggiando, tutti i materiali e gli oggetti presenti, sotto la guida degli animatori del Festival della Scienza. Ed così quindi che qui sono presenti exhibit permanenti, ma anche le novità estive. Il “Tubo del vento”, infatti, è una delle due installazioni fisse, che attraverso il riuso creativo permette di costruire oggetti che vengono fatti volare. “Ci si basa sul tinkering, una modalità didattica nuova, che consiste nel provare a costruire qualcosa finché non si raggiunge l’obiettivo –spiega Andrea Sessarego-. Cioè si va per tentativi e lo si fa in modo collaborativo, con i bambini e i familiari. Assemblando il materiale di recupero, come i vasetti di yogurt e gli imballaggi della differenziata, per esempio, si costruisce ciò che si vuole e che poi viene fatto volare all’interno del tubo, scoprendo contemporaneamente le leggi fisiche e le forze che permettono il volo.” La parete magnetica, invece, è l’altra installazione fissa, che permette “con una sorta di reazione a catena, di fare spostare le biglie, dall’alto al basso. Anche questa è una zona di libera sperimentazione il cui scopo è la collaborazione.”

Venerdì 7 luglio 2017 alle 09:00:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Notizie Genova






























Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News