Notizie cronaca genova Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 16.00 del 14 Dicembre 2017

Castello d'Albertis adotta il progetto "Museo per tutti"

Un nuovo progetto per persone con disabilità intellettiva

Castello d´Albertis adotta il progetto `Museo per tutti`

Genova - Una guida cartacea pensata per persone con disabilità intellettiva, scaricabile anche online, e l’installazione “Sensoriale” con suoni, profumi, colori, vibrazioni e due grandi sedute morbide rendono Castello D’Albertis sempre più accessibile.

Dopo aver concluso la fase di formazione del personale e quelle di progettazione e sperimentazione, al Castello D’Albertis entra a sistema il progetto “Museo per tutti”. L’obiettivo è offrire alle persone con disabilità intellettiva, sia bambini sia adulti, la possibilità di sperimentare un percorso di visita e attività su misura per loro, mantenendo comunque una modalità di fruizione inclusiva.

La nuova installazione si chiama Sensoriale ed è costituita da cinque strumenti musicali, componibili per l’armonia delle forme acustiche e geometriche in molteplici formazioni, per il benessere e la stimolazione cognitiva.

“Le porte dei nostri musei devono essere aperte davvero a tutti – sottolinea l’assessore alla Cultura Elisa Serafini – Con Castello D’Albertis e l’intera rete dei nostri musei sosteniamo un importante progetto orientato a rendere fruibili e accessibili i nostri spazi anche alle persone diversamente abili. Le istituzioni devono impegnarsi sempre di più per promuovere, anche grazie alla collaborazione con associazioni e soggetti privati, la partecipazione e l’inclusione sociale”.

Il progetto di inclusione sociale “Museo per tutti - Accessibilità museale per persone con disabilità intellettiva” è iniziato nel 2015 da un’idea dall’associazione L’Abilità onlus con il sostegno e il finanziamento della Fondazione De Agostini e si prefigge di costruire percorsi e strumenti specifici all’interno di musei e luoghi di cultura per una completa fruizione delle opere d’arte in una logica di inclusione delle persone con disabilità intellettiva.

Il risultato di questo lavoro verrà presentato alla cittadinanza a Castello D’Albertis domenica 3 dicembre in occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabiltià. Dopo la presentazione del progetto alle famiglie alle ore 10.30, il programma prevede nel pomeriggio – a partire dalle ore 15 – visite al museo per tutti con i nuovi strumenti, esperienze nell’Area sensoriale e laboratori a cura dei Servizi Educativi dei Musei civici, delle Associazioni culturali Echo Art e Après la nuit.

Castello D’Albertis è stato scelto per far parte della rete dei musei e dei beni culturali italiani che hanno già adottato il progetto, grazie alla sua vocazione all’accoglienza di visitatori con disabilità. Un po’ di storia: nel 2013, grazie al coinvolgimento dell’Ente Nazionale Sordi e dell’Unione Italiana Ciechi, sono stati predisposti sussidi multimediali per una visita autonoma di tutto il percorso museale con l’accompagnamento di audio, video e guida in LIS (Lingua dei Segni Italiana) oltre che sottotitoli per le lingue straniere. Sono stati inoltre realizzati due modelli tridimensionali, uno della collina su cui sorge il castello e uno del castello stesso, i cui particolari architettonici sono stati studiati per l’esplorazione tattile da parte di persone cieche e ipovedenti. L’intero museo è accessibile ai portatori di diverse abilità ed è interamente percorribile con guida in Lingua dei Segni su dispositivo multimediale ed accessibile per l’esplorazione da parte di ciechi e ipovedenti.

In Italia aderiscono a “Museo per tutti”, tra gli altri, il Museo Archeologico San Lorenzo di Cremona, Venaria Reale (Torino), la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma e il Museo Benozzo Gozzoli di Castelfiorentino (Firenze). Prossimamente il progetto partirà presso il Museo degli Innocenti a Firenze e a Museo Nazionale Romano – Palazzo Altemps a Roma.

Ma Castello D’Albertis non è l’unico museo genovese attento all’accessibilità per le persone con disabilità: da oltre vent’anni i musei di Genova hanno elaborato proposte di attività destinate ai disabili, collaborando a vario titolo con Istituti specialistici, Associazioni, Centri di salute mentale, scuole. Le proposte si sono tradotte in attività che hanno coinvolto molte strutture e si sono rivolte a diversi tipologie di disabilità. Visite guidate alle collezioni permanenti e alle esposizioni temporanee, laboratori, allestimenti e installazioni, percorsi tattili hanno coinvolto disabili psichici assistiti dai Centri di salute mentale, non-vedenti e ipovedenti, anziani con difficoltà motorie, persone Down, sordo-ciechi, pluri-handicap, scolaresche con inserimenti di alunni portatori di varie disabilità, bimbi ricoverati presso l’ospedale pediatrico “Giannina Gaslini” in situazione di disabilità temporanea legata a terapie e interventi.

Inoltre, attraverso il progetto “MUSEI IN TUTTI I… SENSI” il Comune di Genova ha già avviato un nuovo modo di vivere i musei cittadini offrendo iniziative e percorsi che favoriscono il superamento delle differenze e l’abbattimento di barriere fisiche, sensoriali e mentali. Oltre a Castello D’Albertis gli altri musei coinvolti in questo progetto sono il Museo Archeologico, la Galleria d’Arte Moderna, il Museo Sant’Agostino e i Musei di Strada Nuova, nei quali sono messi a disposizione e organizzati percorsi tattili, dedicati a persone cieche e ipovedenti.

Infine, dallo scorso settembre, con cadenza settimanale, nei Musei di Sant’Agostino, Musei di Strada Nuova, Musei di Nervi e Atelier delle Arti nel parco di Villa Grimaldi Fassio saranno offerte visite guidate e laboratori gratuiti a favore di gruppi organizzati di pazienti dei Centri Diurni ASL e Centri Salute Mentale per offrire la possibilità di apprendere ed esprimersi attraverso la realizzazione di prodotti messi poi a disposizione di altre persone (ad esempio DVD, guide brevi cartacee ecc.). Per l’anno scolastico 2017/2018, in collaborazione con la scuola in ospedale del pediatrico Giannina Gaslini, per chi non può raggiungere fisicamente i musei è stato ideato il progetto “Museo in valigia” per far scoprire ai bambini la bellezza dell’arte conservata nei musei genovesi attraverso laboratori e attività ludico espressive centrate sulle opere dei Musei di Nervi presenti vicini all’ospedale.

Giovedì 30 novembre 2017 alle 13:40:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Notizie Genova






























Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News