Notizie cronaca genova Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 14.37 del 19 Ottobre 2017

Sabato serata finale del Festival del Mediterraneo

Sabato serata finale del Festival del Mediterraneo

Genova - Si concluderà sabato 30 settembre, con lo spettacolo “Mandela” la 26° edizione del Festival Musicale del Mediterraneo, il cui percorso, dopo l'anteprima del 15 luglio, è partito il 1° settembre e si è dipanato tra spettacolari sedi antiche della città genovese per tre settimane.
Per un quarto di secolo il Festival, e la sua organizzazione, ha dimostrato la capacità di accogliere con passione, curiosità e voglia di sperimentare artisti, musiche e suoni, riuscendo sempre a stimolare un pubblico attento e preparato le tante proposte internazionali originali e inusuali nel campo artistico-musicale.

E' per questo che Davide Ferrari, direttore artistico della manifestazione, propone a chiusura del festival questo spettacolo che accoglie in sé teatro, musica e danza dedicandolo alla figura di un eroe dei nostri tempi, come è stato e rimane, Nelson Rolihlahla Mandela.

Lo spettacolo avrà come attore Tapa Sudana (che ha lavorato con Peter Brook e Robert Altman tra gli altri), il trio di voci zulu sudafricane Insingizi, i vocalist Precious P. e GodPower e il percussionista Olmo Manzano, da un'ideazione di Davide Ferrari e la produzione affidata a Echo Art, con effetti sonori di Daniele Adrianopoli e Davide Ferrari e allestimenti a cura di Ronni Bernardi, in una cornice suggestiva e evocante come gli spazi della chiesa sconsacrata di Sant'Agostino nel centro storico genovese.

“Mandela” sarà una vera e propria performance basata sulla biografia, sul pensiero, sulle frasi celebri e sulle azioni di Nelson Rolihlahla Mandela, primo presidente eletto dopo la fine dell'apartheid nel suo Paese e premio Nobel per la pace nel 1993.

Mandela è il cognome assunto dal nonno, mentre il nome "Rolihlahla" (letteralmente "colui che provoca guai") gli fu attribuito alla nascita, "Nelson" gli fu invece assegnato alle scuole elementari, ma il nomignolo Madibaera il suo nome all'interno del clan di appartenenza, l'etnia Xhosa.

Uomo simbolo dell'uguaglianza e dell'anti-razzismo, che ricevette il premio Nobel, quello Lenin e il Sakharov per pace e libertà di pensiero, ha saputo dosare differenti approcci politici e pragmatici alla lotta di liberazione del suo popolo. Dalle iniziali teorie di opposizione non violenta di Gandhi, che tenterà anche in seguito di anteporre, alla lotta armata, dal comunismo marxista alla democrazia. Rivoluzionario prima e uomo di un governo di riconciliazione e pacificazione successivamente, fu a lungo uno dei leader del movimento anti-apartheid ed ebbe un ruolo determinante nella caduta di tale regime, pur passando 27 anni di prigionia, gran parte degli anni dell'attivismo anti-segregazionista.
Maggior Sostenitore dell'evento: Compagnia di San Paolo con il contributo del Comune di Genova e Regione Liguria, ed il sostegno di Camera di Commercio di Genova, Coop Liguria, Tasco Srl, la collaborazione dell’Associazione Celso, lo Swedish Arts Council, Palazzo Ducale Fondazione Cultura, Genova Musei e Cooperativa Solidarietà e Lavoro.

Costo del biglietto 10 euro, 8 euro ridotto.

Martedì 26 settembre 2017 alle 20:00:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Notizie Genova






























Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News