Notizie cronaca genova Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 10.45 del 20 Settembre 2017

Venerdì al Teatro dell'Archivolto "La sagra della primavera. Paura e delirio a Las Vegas"

Venerdì al Teatro dell´Archivolto `La sagra della primavera. Paura e delirio a Las Vegas`

Genova - Spettatori in platea che ascoltano la musica dello spettacolo in cuffia come nei raduni silent disco: così si presenta La sagra della primavera. Paura e delirio a Las Vegas, sovversiva rilettura della celebre partitura di Stravinskij a opera di Cristina Kristal Rizzo, nome di punta della nostra danza contemporanea, in scena venerdì 12 maggio alle ore 21 nella Sala Mercato del Teatro dell’Archivolto di Genova.

Formatasi a New York tra la Martha Graham School of Contemporary Dance e gli atelier di Merce Cunningham e Trisha Brown, successivamente rientrata a Firenze dove è stata tra i membri fondatori della pluripremiata compagnia Kinkaleri, dal 2008 Cristina Kristal Rizzo porta avanti un proprio percorso coreografico collaborando con diverse realtà coreografiche italiane.
La sagra della primavera di Igor Fedorovic Stravinskji, interpretata dal leggendario ballerino russo Nijinsky, pur avendo una prima reazione da parte del pubblico estremamente negativa, segnò un punto di svolta nella danza. Nel 2013 in occasione del centenario di quella prima rappresentazione, la Rizzo, che già ne aveva proposto una variazione per il Balletto di Toscana Junior, presenta la sua personalissima versione della Sagra, un sorprendente solo, da lei stessa danzato, in cui crea uno spiazzamento percettivo tra il visivo e sonoro.

La sagra della primavera. Paura e delirio a Las Vegas, che nel titolo allude all’atmosfera allucinata del romanzo di H. S. Thompson e del film di Terry Gillian che ne è stato tratto, si articola attraverso un’intensa coreografia che “amplifica la congiunzione inattesa tra suono, estensioni dinamiche e oscillazioni del senso”. Sfidando l’abituale suggestione passiva dello spettatore, invitato ad ascoltare la musica attraverso cuffie mentre la danzatrice occupa il centro della scena, lo spettacolo con il suo colpo di scena finale (che qui non si può rivelare) pone una questione precisa: di quale visione è fatto il suono che ascoltiamo, di quali suoni è costituita la nostra visione?

Biglietti da 7,50 a 22 euro.

Martedì 9 maggio 2017 alle 17:00:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Notizie Genova






























Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News