Notizie cronaca genova Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 17.06 del 22 Novembre 2017

#Genova2017 Moschea a Genova: sì o no? Lo abbiamo chiesto ai candidati sindaco | Video

#Genova2017 Moschea a Genova: sì o no? Lo abbiamo chiesto ai candidati sindaco<span class=´linkFotoA1Articolo´> | <a href=´/videogallery/-Genova2017-Moschea-a-Genova-si-o-no-Lo-1134.aspx´ class=´FotoVideoA1´>Video</a></span>

Genova - Si torna a parlare di moschea a Genova. Abbiamo deciso di porre il quesito ai candidati sindaco delle prossime amministrative. Ecco le posizioni.



Moschea a Genova: sì o no?

Gianni Crivello, candidato del centrosinistra: «Credo che il diritto di culto sia assolutamente sacrosanto. Ovviamente bisogna evitare in queste situazioni di fare riferimenti e comunicazioni che sono caratteristiche tipicamente elettorali, perché io posso condividerla, qualche d’uno sarei curioso poi se va a inaugurarla assieme a Matteo Salvini».

Luca Pirondini, candidato del Movimento Cinque Stelle: «È un tema che si dibatte da molti anni a Genova, penso che sia una questione estremamente delicata soprattutto in questo periodo. Posto che la libertà di culto è un valore e vada difeso. Credo però che si debbano coinvolgere i cittadini in questo tipo di decisioni. Ci sono degli strumenti democratici che permettono il coinvolgimento dei cittadini, questo potrebbe essere una buona occasione per provare a coinvolgerli».

Marco Mori, candidato di Riscossa Italia: «No, perché in questo momento non ci sono risorse e le poche risorse dobbiamo spenderle assolutamente nel sociale, per le persone che fanno fatica ad arrivare alla fine del mese. Il nostro programma sul punto è quello di sforare il patto di stabilità interno, che sono quelle norme di emanazione europea che impongono ai comuni di tagliare ogni anno la spesa pubblica, significa che il sindaco in realtà è un commissario liquidatore, anziché un amministratore».

Marika Cassimatis, candidata di Lista Cassimatis: «Genova è una città di inclusione, quindi credo che sia giusto che ci possano essere luoghi di culto come la moschea. L’importante è che ci siano dei percorsi partecipati con la cittadinanza, in modo che questi interventi possano essere accolti e non ci sia paura da parte della popolazione e ci siano dei percorsi in cui i cittadini siano protagonisti. Siccome i genovesi sono molto accoglienti, non vedo perché non ci dovrebbe essere una moschea».

Paolo Putti, candidato di Chiamami Genova: «Credo che sia legittimo - e che sia anche nei compiti di un comune – garantire i diritti alle persone e ai suoi cittadini. Se ci sono cittadini di fede islamica è giusto che abbiano uno spazio dove mettere in campo tutte le condizioni essenziali per esercitare il proprio diritto alla religione. Non credo ci siano difficoltà per promuovere questo, poi può spaventare o no, ma credo sia legittimo e forse anche un po’ doveroso dare una mano, senza togliere risorse ad altri servizi».

Arcangelo Merella, candidato di Ge9sì: «Qualche tempo fa era una cosa a cui si poteva serenamente dire di sì, come avviene in tutte le città europee. Oggi è un argomento più delicato visto il contesto internazionale e le tensioni che ci sono su questo argomento, quindi oggi suggerirei cautela perché un processo del genere richiede anche una convinta partecipazione dell’opinione pubblica».

Giovedì 18 maggio 2017 alle 15:00:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Video

18/05/2017 - #Genova2017 Moschea a Genova: sì o no? Lo abbiamo chiesto ai candidati sindaco


Notizie Genova






























Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News