Notizie cronaca genova Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 21.00 del 19 Agosto 2017

Balleari: «Ecco le nostre novità per scooter, metropolitana e bicicletta»

Balleari: «Ecco le nostre novità per scooter, metropolitana e bicicletta»

Genova - Il vicesindaco di Genova e Assessore alla Mobilità e al Trasporto Pubblico Locale Stefano Balleari ha concesso una lunga intervista al sito del Comune di Genova, per affrontare alcuni punti dei programmi futuri della giunta Bucci.

A partire dalla diminuzione delle tariffe dei parcheggi. «Non era solo una promessa elettorale, ma era un impegno che avevamo preso con i cittadini, il primo passo che volevamo fare era quello di dare un segnale forte per far rinascere la città. Adesso i cittadini vengono in centro per far la spesa, ma non amano muoversi con il mezzo pubblico. In questa maniera qua siamo vicini ai cittadini, per consentire loro di andare a comprare per esempio al mercato orientale. Non vogliamo mandarli soltanto nei centri commerciali, dove il parcheggio non si paga. Muovere la mobilità pubblica è importante, ma è altrettanto importante dare un segnale a chi ha necessità di andare in centro e non può permettersi di spendere 2 euro e 50 all'ora».

Le linee strategiche di Amt - «Abbiamo deciso di mantenere Amt in mano pubblica perché svolge un servizio pubblico. Sono stato nominato Assessore il 3 di luglio, il 4 di luglio sono stato contattato dalle sigle sindacali poiché volevano avere alcune risposte. Vogliamo che Amt rimanga pubblica e che ulteriori esternalizzazioni non verranno effettuate. Abbiamo stabilito di fare riunioni con i rappresentanti dei lavoratori e con l'azienda, la scorsa settimana abbiamo fatto la prima riunione per stabilire un crono-programma. Cercheremo di ridurre i costi con efficientamenti, volendo diminuire di circa un euro il costo a chilometro del servizio pubblico».

Genova capitale delle moto - «A Genova circolano 270 mila autovetture e circa 138 mila scooter, è un primato mondiale oserei dire. Sono in programma nuovi parcheggi, uno aprirà prossimamente - immagino nei primi 15 giorni settembre - per dare un pochettino di sfogo a questa esigenza. In ogni caso stiamo studiando altre soluzioni per mettere ordine, ad esempio mi viene in mente il parcheggio di Piazza Dante. Sotto la casa di Colombo, c'è una distesa enorme di scooter. Bisogna cercare di dare spazi moto in più, perché sono effettivamente pochi».

L'idea del Pi-greco rovesciato - «Stiamo facendo uno studio diverso rispetto alle amministrazioni precedenti. Cerchiamo di avere un'immagine più complessiva di quello che potrà essere il trasporto pubblico. Il "Pi-greco rovesciato", così come l'ha definito il sindaco Marco Bucci, significa: un collegamento che da Nervi arriva in Centro, dal Centro arriva a Voltri e dal Centro si dirama verso la valle di Molassana e verso la Valpolcevera. Stiamo lavorando su questo. Certamente la metropolitana andrà potenziata, bisognerà vedere - anche per limitare i costi - di usufruire dei binari delle ferrovie che potrebbero con una spesa inferiore, offrire un grande servizio per la città».

Cinque grandi parcheggi di interscambio alle uscite delle autostrade - «Non è facile, ma a noi piacciono le sfide. Bisogna cercare di equivalere alle grandi città del Nord, nelle quali il parcheggio di interscambio ha una funzione molto importante, poiché permette l'utilizzo del mezzo pubblico e di arrivare in Centro comodamente. All'uscita del casello di Genova Nervi abbiamo già individuato una zona che potrebbe essere adibita a parcheggio di interscambio. Bisogna andare avanti in questa maniera qua, cercando poi di agevolare il cittadino che acquisisce il biglietto del mezzo pubblico. O non facendogli pagare il parcheggio, o una cifra assolutamente simbolica».

La bicicletta - «Abbiamo una città complicata da questo punto di vista. Dobbiamo cercare di capire quali siano le soluzioni che possiamo offrire ai nostri cittadini. Ritengo che la bicicletta sia un qualcosa da incentivare. Sto cercando di sviluppare le piste ciclabili, come ad esempio in Corso Italia. Creare una pista ciclabile anche, perché no, lungo la copertura del Bisagno per permettere di collegare il Centro al levante cittadino».

Venerdì 11 agosto 2017 alle 16:45:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Notizie Genova






























Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News