Notizie cronaca genova Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 21.19 del 27 Giugno 2017

Chiamami genova, presentazione progetto Municipio X e flash mob

Paolo Putti: "Sugli spazi comuni deve poter decidere la comunità, non i comitati ristretti"

Chiamami genova, presentazione progetto Municipio X e flash mob

Genova - Palloncini colorati gialli e blu e cartelloni appesi alle grate che “imprigionano” da mesi uno dei posti più caratteristici di Genova. Con un flash mob organizzato in pausa pranzo, la lista civica Chiamami Genova denuncia la scelta da parte dell’amministrazione comunale di chiudere uno spazio per tutelarlo dal supposto degrado: «Anche questo è degrado – spiega Elisabetta Felici, giovane candidata per Chiamami Genova – noi siamo per la cultura che apre i cancelli e accoglie turisti e genovese». Lo spunto dell’iniziativa lo offre lo “stallo” amministrativo che da oltre un mese tiene chiuso il chiostro vicino alla Casa di Colombo con una cancellata istallata su pressione di alcuni abitanti, stanchi della frequentazione notturna dello spazio. «Il decoro non si fa in questo modo – continua Felici – ma attraverso un percorso culturale, sicuramente lungo e difficile, ma che deve parlare con la città, non chiudendo gli spazi. Oggi è il chiostro, domani con la stessa logica chiuderemo tutto il Centro Storico?».

Questa manifestazione è l’occasione per il lancio del progetto “Municipio X”, già presente nel programma di Chiamami Genova presentato la settimana scorsa: «Il decimo municipio sarà quel luogo della partecipazione, virtuale e fisico, che permetterà la consultazione di tutta la popolazione residente a Genova da almeno 5 anni, dai 16 anni in su – spiega Simon Clavière-Schiele, candidato per il Consiglio Comunale per Chiamami Genova – un allargamento dei diritti civici e della partecipazione rivolto a tutti i genovesi che in questo modo potranno votare su alcune proposte dell’amministrazione civica su temi riguardanti il patrimonio pubblico, gli spazi, l’urbanistica, i parchi e tutte le materie che riguardano il patrimonio collettivo della città».

Il progetto sperimentale si rifà a quanto si sta affermando in alcune grandi città europee, come Parigi, e si articola in tre fasi: «Inizialmente il voto dei residenti sarà riportato in Consiglio grazie alla scelta “politica” del consigliere rappresentante del progetto, poi si lavorerà per trovare il meccanismo regolamentare per rendere questo passaggio automatico – sottolinea Clavière – per poi arrivare ad un diritto elettorale attivo e passivo anche per le consultazioni referendarie comunali e amministrative». Esiste un precedente: già nel 2004 era passata in Sala Rossa la proposta di estendere il voto per residenza e non solo per cittadinanza, norma che fu affossata dal governo Berlusconi. «I genovesi avevano già scelto, ma la loro volontà fu calpestata. Noi oggi vogliamo ripartire con questo grande progetto di partecipazione».

«Il “Municipio X” è un progetto che vuole allargare i diritti civici di chi vive, lavora e paga le tasse a Genova – spiega Paolo Putti – e che ha un progetto di vita a Genova, non solo per nascita. Tutti i residenti devono avere il diritto di partecipare alle scelte dell’amministrazione. Questa proposta è molto più interessante e vera di quanto proposto da altri, perché non è solo virtuale: vogliamo predisporre delle vere e proprie “Stanze del Voto” fisse nei Municipi, per esaltare la partecipazione attiva e non “da tastiera” dei genovesi». Il progetto è potenzialmente allargabile: «Oggi ho incontrato alcune associazioni che lavorano per ottenere il diritto di voto anche per i diversamente abili – continua Paolo Putti – categorie che spesso non possono partecipare alla vita attiva della comunità. Noi vogliamo includerle. Il Municipio X sarà il municipio di tutti i genovesi».

__________________________________________

Mercoledì 7 giugno 2017 alle 15:30:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Notizie Genova






























Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News