Notizie cronaca genova Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 08.00 del 23 Novembre 2017

Multedo, 'Genova che osa' attacca Campanella: «Sta mettendo in difficoltà anche Bucci»

Multedo, ´Genova che osa´ attacca Campanella: «Sta mettendo in difficoltà anche Bucci»

Genova - "Il consigliere comunale Alberto Campanella (Fdi), sproloquia proclami sulla questione migranti e Multedo che mettono in difficoltà lo stesso sindaco Bucci". Lo ha detto Lorenzo Azzolini, responsabile della comunicazione di Genova che osa, commentando le recenti parole di Campanella sulla questione migranti destinati all'ex asilo di Multedo.

"Le due notizie false enunciate da Campanella sono proprio i due problemi principali della città, che il consigliere evidentemente non riesce a percepire. Il primo è la crisi demografica, Genova si sta spopolando, i bambini sono sempre meno e la città è sempre più anziana. Il secondo è l’enorme quantità di spazi in abbandono e il degrado delle case lasciate vuote".

“Campanella sostiene che i bambini sono stati sfrattati per fare spazio ai migranti.
Peccato che l'Asilo Contessa Govone, privato, gestito dalle Suore della Neve, sia chiuso da più di un anno. Gli iscritti si sono ridotti considerevolmente nell’ultimo decennio, lo stesso vale per i religiosi nel ruolo di insegnanti, cosa che ha reso i costi di gestione sempre più alti e alla fine insostenibili per le Suore - spiega Azzolini - Purtroppo alla fine la mancanza di personale e di affluenza ha costretto le Suore a chiudere i battenti. Appare evidente come i migranti non c’entrino nulla nelle vicende dell’asilo di Multedo che resterebbe in ogni caso chiuso".

"Campanella sostiene inoltre che Genova è una città molto piccola, senza strutture vuote. In realtà -prosegue - Genova negli ultimi decenni ha perso 200mila abitanti ed è piena di strutture vuote. Il 12% delle abitazioni non è occupato: parliamo di quasi 35mila case.

"Il nostro piano - conclude - prevede di recuperare gli spazi vuoti per destinarli a nuove realtà imprenditoriali creative, ristrutturare le case sfitte per assegnarle a giovani coppie, abbattere gli edifici in eccesso per creare nuove aree verdi e ridurre il rischio idrogeologico. Un piano che si integra con l’idea dell’accoglienza".

Giovedì 19 ottobre 2017 alle 18:37:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Notizie Genova






























Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News