Notizie cronaca genova Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 19.30 del 27 Giugno 2017

Tasse per Genova, Capezzone e Musso: "Shock fiscale" | Video

Tasse per Genova, Capezzone e Musso: `Shock fiscale`<span class=´linkFotoA1Articolo´> | <a href=´/videogallery/Capezzone-a-Genova-lancia-la-Lista-1162.aspx´ class=´FotoVideoA1´>Video</a></span>

Genova - Si è svolta quest'oggi la conferenza stampa dedicata a fiscalità, tributi e al progetto per una città con una tassazione più bassa e più equa. A parlarne sono stati Daniele Capezzone, parlamentare di Direzione Italia che siede nella commissioni Tributi della Camera dei Deputati, ed Enrico Musso, leader di Lista Musso-Direzione Italia che da molti anni propone ricette liberiste per Genova e per il Paese.

"Punto di partenza la riforma di Choc Fiscale presentata dal partito di Raffaele fitto in parlamento. Una ricetta che prevede 40 miliardi di tasse in meno. Sappiamo che è una proposta – appunto – shock – ha detto Daniele Capezzone - ma indica un ordine di grandezza necessario a dare una vera scossa all'economia. E le coperture mostrano che l'operazione è possibile. Per le imprese prevediamo l'abolizione Imu-Tasi sui beni immobili strumentali all'attività di impresa: sui capannoni, su negozi e botteghe artigiane, su uffici e studi professionali. Costo: circa 8 miliardi (ringraziamo per la valutazione l'Ufficio studi di Confcommercio: 7,7 mld). Inoltre il dimezzamento dell'Irap in due anni. Costo: 12 miliardi circa (6 il primo anno, 6 il secondo anno), la riduzione dell'aliquota Ires al 23%. Costo: 1 miliardo circa». Per i lavoratori il taglio è di 10 miliardi di tasse in meno sul lavoro, attraverso una rimodulazione delle aliquote Irpef e per la famiglie l'Iva giù di 2 punti (al 20%) in 2 anni, con un risparmio di 8 miliardi nei primi 2 anni".

Genova in quest'ottica può essere un laboratorio, un progetto da attuare, come ha aggiunto Enrico Musso: "Proprio oggi il Sole 24 Ore ha pubblicato una classifica che conferma che Genova è la città con l'Imu residenziale più alta d'Italia, sia per le residenze sia per i fabbricati e le attività commerciali. Abbiamo poi altri record davvero assurdi, come i parcheggi più cari del Paese, con una società, Genova Parcheggi, i cui dirigenti guadagnano più della Merkel. Abbassare l'imposizione fiscale si può e il nostro impegno è farlo nei fatidici 100 giorni dopo le elezioni".

Musso si è soffermato anche sul caso delle rendite catastale da rivedere: "Genova è una città piena di immobili di categoria A1, che pagano l'Imu pur avendo un valore immobiliare di mercato bassissimo. Pensiamo ai casi di Sampierdarena e del Ponente, o alla Foce. Questo regime catastale va rivisto. Su tutte le voci fiscali, il Comune di Genova può e deve tagliare le aliquote: «E' una questione di volontà, le risorse e i risparmi si possono trovare, il problema è che la sinistra in 25 anni non ha mai neppure tentato di farlo. Così come si possono liberalizzare Amiu e Amt, senza regalare niente a nessuno, ma con bandi pubblici veri".

Martedì 23 maggio 2017 alle 19:30:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Video

24/05/2017 - Capezzone a Genova lancia la Lista Musso Direzione Italia


Notizie Genova






























Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News