Notizie cronaca genova Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 15.54 del 21 Febbraio 2018

Tursi, il Pd rigetta la modifica di Bucci: «Nessun riferimento ai valori della Resistenza»

Tursi, il Pd rigetta la modifica di Bucci: «Nessun riferimento ai valori della Resistenza»

Genova - Gli spalti gremiti della Sala Rossa di Palazzo Tursi fanno da cornice sin dal principio alla lunga giornata consiliare. In programma due mozioni tanto discusse in settimana: quella promossa dal centrosinistra genovese che avrebbe voluto togliere gli spazi pubblici alle manifestazioni inneggianti al fascismo, alla xenofobia e al razzismo; e quella del centrodestra, che avrebbe voluto richiamare l'attenzione di tutti ai valori scritti nella Costituzione, denigrando in tal modo tutti gli episodi violenti.

A ricostruire il puzzle ci pensa Alessandro Terrile del Pd ai nostri microfoni: «Dopo due ore di estenuante lavoro della maggioranza, che non era d'accordo nemmeno tra loro, ci hanno proposto un testo nel quale scompariva ogni tipo di riferimento ai valori della Resistenza, ai valori dell'antifascismo e alla necessità di combattere i nuovi fascismi. L'unica concessione che avremmo ottenuto era quella di un riferimento all'apologia di fascismo tra i vari atti eversivi che il Comune di Genova avrebbe condannato».

Modifica avanzata dal sindaco Bucci, ma troppo distante dalle idee degli oppositori. «Abbiamo comunicato che non l'avremmo votata e quindi che si sarebbe andati al voto sulle due mozioni. Quando si è andati al voto - continua il consigliere - c'è stato un po' di trambusto in aula, cosa che è accaduta di frequente e in tono maggiore negli scorsi cicli, e da lì è stata sospesa la seduta».

«Il sindaco - conclude Terrile - ha proposto a noi consiglieri del Pd di tenere calmi i militanti sugli spalti, altrimenti avrebbero proceduto a una seduta a porte chiuse. Abbiamo fatto notare che non si poteva fare ciò e allora visto che sono usciti tutti i consiglieri di maggioranza, mancando il numero legale, non si è andati a votazione. Preciso che il livello di disturbo di oggi era nella media, sarebbero bastati due minuti di sospensione per riportare l'ordine. Certamente noi non ritiriamo la mozione che verrà discussa al prossimo Consiglio Comunale».

Martedì 16 gennaio 2018 alle 18:45:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Notizie Genova






























Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News