Notizie cronaca genova Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 22.42 del 21 Gennaio 2018

Caro Genoa, senza cuore non si vince

Caro Genoa, senza cuore non si vince

Genova - Senza cuore non si vince. E’ una citazione presente nella dialettica calcistica. Parlando dell’amato Grifone domando: a Parma è mancato il cuore?, è mancata la gamba? Oppure è mancata la testa?. Difficile dirlo perché a tratti sembrava mancassero tutti e tre gli organi. Male molto male, domenica abbiamo fatto molto male, almeno secondo me, e bene ha fatto Malesani a non cercare alibi nell’inadeguata direzione arbitrale del famigerato Barlettano. Apro, sull’arbitro di domenica, una “parente” (come direbbe Totò) e dico che verso sto D’amato o Damato, manco so come si scrive, sono molto prevenuto dal giorno che ho visto arbitrare lo scempio di Pisa-Massese valida per non retrocedere dalla C1. Io, non tifo né Pisa né Massese ma me ne andai, all’epoca dallo stadio sotto la Torre, ugualmente indignato domandandomi come questo qui potesse arbitrare in serie C. Bene ora arbitra in serie A e il tutto in nome della meritocrazia calcistica ..mavala “con tripla AAA’’’. Il rigore non dato su Palacio, con mancata espulsione del Paletta Parmense, nell’azione susseguente al palo di Bovo, è dimostrativo dell’incapacità del fischietto Pugliese, lo promuoveranno, certamente, a internazionale. Ma torniamo a Malesani che non si nasconde dietro l’arbitro ma trova nell’atteggiamento di qualche suo calciatore il lato debole della squadra. Potrà anche essere vero e certamente lo è ma io credo che sia maturo il momento di provare il modulo a 3 in difesa. Sia esso un 3-5-2 o un 3-4-1-2 che sembrano all’apparenza simili ma sono molto diversi in verità. Il Mister vuole giocare con il trequartista, e va bene ma, secondo me, giocare col rombo è problematico per noti motivi, noti a chi mi legge, ma col 3-4-1-2 o 3-4-2-1 il trequartista c’è e gioca in una difesa ben e meglio protetta. Se poi lo fa uno che arretra molto ecco che il famigerato 3-4-1-2 si trasforma nel Mazzariano 3-5-2. Tre stopper centrali, tre centrocampisti centrali, 2 centrocampisti laterali con gamba per difendere e attaccare. Penso che Malesani pensi per questo ruolo più a Merkel che al talentuoso Jorquera, non me lo ha detto nessuno ma credo il tecnico Veronese chieda grande protezione e robusti rientri al proprio trequartista cosa che Merkel, più mezzala che tradizionale numero dieci, assicura maggiormente del raffinato Cileno. Il centrocampo un poco, diciamo, dandy visto sino ad ora, credo abbia bisogno di un guerriero come Seymour insieme a due tra Kucka Veloso e Costant con quest’ultimo ancora lontano da una forma accettabile. E’ anche vero che se non giochi la forma non la trovi…..quindi se il discorso vale per un Caracciolo ancora lontano potrebbe valere pure per il centrocampista arrivato dal Chievo. Il problema è che si gioca in 11 e al loro massimo. Allenamenti di mattina , in notturna o al pomeriggio. Bene questo è un argomento trattato con sfinente puntualità da noto opinionista televisivo. Bene tralascio la richiesta di competenza provata sull’argomento dallo stesso e mi limito alla mia opinione sul dibattuto. Bene: cavolate senza senso il Genoa non corre meno degli avversari, il Genoa a Parma ha corso male con atteggiamento e determinazione non adeguate alla sfida ed era messo male in campo anche grazie a tre suoi giocatori che andavano a 3 cilindri, questa è la mia opinione e aggiungo che il modulo non ha aiutato. Ma sicuramente avrà ragione l’ancorman di provata, poi dove, esperienza sul campo, poi quale, e quindi basterà allenarsi al pomeriggio tre ore di seguito per 6 giorni consecutivamente che torneremo a vincere.
Alla prossima.

Ps. Caro Malesani me lo farebbe un piacere a me e a qualche “amica Genoana”? Me lo farebbe vedere almeno mezzoretta Ribas in campo?

Lunedì 3 ottobre 2011 alle 20:00:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Notizie Genova






























Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News