Notizie cronaca genova Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 17.25 del 21 Gennaio 2018

Il calcio moderno e lo scivolone di Sampdoria-Genoa

Il calcio moderno e lo scivolone di Sampdoria-Genoa

Genova - Qualche anno fa, quando i biglietti delle partite si compravano pochi minuti prima del calcio d’inizio e Bosman era ancora sconosciuto fuori dai confini del Belgio, se ci avessero parlato di “Calcio Moderno” ci saremmo immaginati uno scenario molto diverso da quello attuale. Probabilmente stadi più accoglienti, settori ospiti più civili e magari un campionato più competitivo con giocatori all’altezza. Agli sgoccioli del 2010 invece quella del cosiddetto calcio moderno sembra invece essere diventata una sorta di maledizione per milioni di appassionati in tutta Italia, come ha dimostrato il surreale pomeriggio genovese di ieri. La partita più attesa dell’anno da una città intera ridotta ad una scomoda e gelida responsabilità da far rimbalzare da un’istituzione ad un'altra, quando un briciolo di buonsenso e di autonomia decisionale da parte degli enti cittadini, avrebbero evitato polemiche e problemi per tutti. Sindaco, assessori e Prefetto, la cui scelta resta tuttora incomprensibile, avrebbero potuto decidere già in mattinata il rinvio a data da destinarsi se non avessero dovuto fare i conti con il perentorio diktat arrivato dalle tv per nulla disposte a perdere l’ultimo show serale del 2010. Palinsesti da riempire, contratti milionari e lo spettacolo da mandare avanti a tutti i costi, sono venuti prima dell’incolumità e della passione dei trentamila tifosi che avrebbero dovuto assistere alla partita. Il comportamento responsabile di Morganti, che ha chiuso con il giusto polso il rimpallo delle responsabilità, ha evitato disagi ancora maggiori per i pochi che sfidando ghiaccio e neve sarebbero arrivati comunque al Ferraris per assistere al non-derby più inutile della storia, giocato magari su un campo che avrebbe azzerato spettacolo e divertimento mettendo inoltre in pericolo gli stessi giocatori. La parola “rinvio” è arrivata con colpevole ritardo soprattutto perché i ritmi di questo calcio non comprendono interruzioni o fuori programma ambientali o di ordine pubblico non contemplati dai network televisivi che anzi impongono notturne invernali in un Nord Italia solitamente alla prese con temperature rigide. Era accaduto in parte con Genoa-Bari, rinviata all’ultimo minuto, era successo di nuovo con Genoa-Milan, con la decisione di giocare a porte chiuse presa a poche ore dal fischio d’inizio, e si è ripetuto di nuovo ieri pomeriggio con una città in tilt per la nevicata siberiana e il via libera ai tifosi dato dal Prefetto nel primo pomeriggio. Eppure nelle stesse ore, la modernissima ma ben più efficiente Premier League inglese aveva rinviato ben sette partite per analoghi problemi. Qui abbiamo rischiato di arrivare a pochi minuti dal fischio d’inizio con spalti semi pieni ed un campo impraticabile, mettendo a repentaglio l’incolumità di tifosi e addetti ai lavori, solo perché sarebbe diventato difficile trovare una data utile per giocare il derby come ogni tifoso vorrebbe: con lo stadio pieno, i giocatori in grado di scendere in campo e dare il massimo in condizioni climatiche adeguate. Il calcio “moderno” che potevamo immaginarci qualche anno fa, non quello arido ed irritante che ci hanno imposto.

Lunedì 20 dicembre 2010 alle 21:30:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Notizie Genova






























Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News