Notizie cronaca genova Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 17.30 del 20 Gennaio 2018

La ragione non sempre serve

La ragione non sempre serve

Genova - Avanti c’è posto! é il primo impulso, l’istinto verbale di ciascuno per stimolare, per sollecitare l’avanzamento di chi ci precede, in una situazione inerte, allorquando, per esempio, saliti su un bus stipato, schiacciati nel fondo, vediamo che a metà, al centro, c’è spazio. E che, nonostante ciò, la calca umana permane cementata agli estremi. Prendo spunto da ciò, per diretta deduzione, rappresentando la nostra tendenza nel fermarci appena entrati in un luogo, nel soffermarci a riflettere sull’eventuale azione da intraprendere, nel trovare una temporanea, egoistica collocazione, nell’evitare avanzamenti improvvisati ed avventati, nel curarci di conservare semplicemente la posizione iniziale. Utilizzo questa analogia, forzata ma efficace, per rilevare come una società sfidante, come la nostra, sia in realtà percentualmente composta da individui non tutti protesi verso un qualche straordinario traguardo, quale (per restare in tema) avanzare in un bus stracolmo. Esiste infatti, per evidenza fisiologica, una sana e legittima ambizione del poco, del sufficiente, di matrice antica, improntata all’immediatezza del baratto, che ci porta a voler realizzare, ottenere cose ordinarie. Per questo, tantopiù in questo periodo, estremamente preziose come trovare (e conservare) un lavoro che traguardi quel minimo di certezza per il nostro futuro e/o, magari, anche quello dei nostri figli. E’ anacronistico, dinanzi alle attuali prospettive di mercato, avanzare idee d’avanguardia, ad ampia visuale, di ampio respiro. Lasciamole avanzare, probabilmente per puro esercizio di oratoria, a chi per ruolo può permettersi di esprimere con ridondanza enfatica i vari obiettivi in itinere, di immaginarne e farne immaginare di altri speciali ed altisonanti, senza pre-occuparsi troppo se i risultati giungeranno o se, al contrario, non riusciranno mai ad assurgere alla categoria del concreto. Una sorta di garantisco l’impegno ma non il risultato. Di fatto oggi tutto sembra divenuto macchinoso, irragionevole, artefatto. Vogliamo tenere tutto, illusoriamente, sotto controllo. Di fatto, semplicità e genuinità paiono proponibili solo in alcuni spot pubblicitari. Tale antiteticità d’approccio, tra irragionevole e ragionevole, tra percezione e realtà, tra volontà e possibilità, giustifica un’opposta visione delle cose, una che pretende continue dimostrazioni e conferme, l’altra che invece ritiene sufficiente disconoscerne almeno il proteiforme contesto. Non c’è mai un’unica ragione, e soprattutto non c’è una nostra ragione se non quando un autorevole, superiore consenso ce la attribuisce. A prescindere, vale sempre la pena di sforzarci nel prediligere uno stile di vita rispettoso di noi stessi e coerente, per la ragione che sentiamo di avere. Perché l’attribuzione della ragione da parte di altri può, talvolta, essere di grande stimolo; ma, ciò non accadendo, è altrettanto fondamentale essere comunque consapevoli della bontà delle nostre idee, anche nella saggia modestia che rappresentano, dei nostri principi, delle nostre possibilità.

Arch. Massimiliano Barbin Bertorelli
Promotore Comitato cittadino Corso Gastaldi & Dintorni

Sabato 6 novembre 2010 alle 21:40:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Notizie Genova






























Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News