Notizie cronaca genova Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 13.41 del 13 Dicembre 2017

Ferrero: «Ho accettato 'Ballando con le Stelle' per un motivo benefico»

Ferrero: «Ho accettato ´Ballando con le Stelle´ per un motivo benefico»

Genova - Il presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero, ha confermato in un’intervista rilasciata a Vanity Fair la sua partecipazione alla trasmissione Ballando con le Stelle: «L’obiettivo è esclusivamente benefico. Con i soldi che mi darà la Rai, e se necessario con altri miei e della Sampdoria, voglio comprare almeno quattro autoambulanze attrezzate per bambini da regalare agli ospedali, a partire dal Gaslini di Genova, col quale già collaboriamo con la Samp. Io non ho mire di fama, non vado in Rai per farmi notare, non ne ho bisogno. Me vogliono bene tutti, sono un uomo di cuore, semplice. Il motto è fa bene è scordati, fa del male e pensaci».

Alla domanda se si considera un ballerino, Ferrero ha risposto così: «Come no. Se la ricorda Rita Pavone che cantava viva la pa-ppa-ppa? Ecco, io ballavo quella. A 15-16 anni stavo senza ‘na lira. Andavo al Bar Veneto di via Ostiense, dove c’era un juke box modernissimo. Là con 100 lire potevo mettere tre canzoni. Io facevo il tip tap. L’amico mio, sfacciato, rimediava qualche lira e ce ne andavamo al cinema. Se era andata bene, ci compravamo pure i mostaccioli, durissimi. Poi ho ballato il rock’n’roll, il cha cha, il tango. Facevo pure la spaccata. A casa sistemavo due sedie e mi esercitavo per distendere le gambe. Poi veniva mia madre da dietro e mi strigliava: "Va a studià"».

Ferrero ha poi raccontato: «Andavo ai Colletti Bianchi. Facevo il ballo del mattone, il gioco della scopa, il tango… Mi piacevano questi personaggi con le camicione e colletti enormi, mi sembravano dei ricconi. Per imitarli, prendevo i soldi che avevo messo da parte e andavo all’Ente comunale del consumo. Sceglievo le stoffe e mi facevo la camicia e i calzoni a campana, verdi. Ero un grande figo. Alto un metro, ma coi calzoni a campana. Se le conquistavo ballando? Macché, erano altri tempi, c’era il mito della verginità. Però avevo un vantaggio: ero bassissimo e per abbracciare le ragazze mettevo le mani attorno al fondo schiena… ero un po’ monello. Se ballo ancora? Certo. Sono un po’ arrugginito ma mi sto già allenando. Vado a correre la mattina, faccio ginnastica, seguo una dieta. E sto rimettendo le sedie per provare a fare la spaccata».

Infine, a Ferrero è stato fatto notare che pur avendo 66 anni li porta bene. Ecco la sua risposta: «Posso essere volgare? Me sto a grattà. Non vorrei che compro le ambulanze e una viene a pigliare me».

Giovedì 16 novembre 2017 alle 19:14:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Notizie Genova






























Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News