Notizie cronaca genova Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 17.00 del 23 Ottobre 2017

Onofri avvisa il Genoa: «Con il Cagliari? Fondamentali i i primi minuti»

Onofri avvisa il Genoa: «Con il Cagliari? Fondamentali i i primi minuti»

Genova - Dopo la sosta dovuta agli impegni delle nazionali, torna la Serie A. Il Genoa sarà chiamato a una trasferta tradizionalmente ostica, contro un avversario che – alla pari dei rossoblù – non vive un momento bellissimo. Che partita sarà - quella tra Cagliari e Genoa - lo abbiamo chiesto a Claudio Onofri, bandiera rossoblù e ora commentatore tecnico. «È difficile dire che partita verrà fuori. Credo che sia molto importante l’ambiente del nuovo stadio Sardegna Arena. Se i ragazzi di Juric riusciranno ad aggredire il Cagliari nelle battute iniziali , è chiaro che si respirerà un’aria diversa, visto che anche loro sono in un momento di difficoltà».

Il reparto offensivo - «È un peccato che si sia fermato Taarabt, perché stava dimostrando di essersi ripreso bene, soprattutto a livello fisico. Le qualità tecniche non le ha mai perse. Avrebbe potuto dare un contributo importante in contropiede, cercando di creare superiorità numerica. Puntare su Pellegri in questo momento potrebbe essere un rischio. Si è molto bravo, molto deciso, ma molto immaturo. Questa è una partita in cui dovrai difenderti, ma dovrai anche cercare di renderti pericoloso».

L’atteggiamento - «Mi aspetto il Genoa che ho visto a Milano con l’Inter. Questo sarebbe già importante, perché - al di là del risultato che ovviamente è fondamentale – l’importante è che la squadra riprenda piano piano fiducia. Poi, quando saranno tornati tutti gli infortunati e verrà trovata una soluzione tattica ai vari Centurion, penso che la squadra abbia tutte le qualità per superare questo momento di difficoltà ed assestarsi tra le squadre che guardano al centro classifica».

Pavoletti e le insidie del Cagliari - «Leonardo l’ho visto entrare a Napoli, ma onestamente non è in grande forma. Con la prestanza fisica della difesa del Genoa, sarebbe più un pericolo affrontare la coppia Sau e Farias, visto che ti concederebbero meno punti di riferimento. Però è chiaro, che Pavoletti sa essere pericoloso sui cross e sulle palle aeree. Il Cagliari è assimilabile per dimensione al Genoa. Si trova adesso in crisi, anche se ha quattro punti in più. Però io credo che come dimensione di squadra tutte e due possono affermarsi in un campionato tranquillo. Questo però dovranno dimostrarlo sul terreno di gioco».

Diamanti proposto da Spinelli - «Il Diamanti vero può dare un contributo in tante squadre in Italia. Però bisogna capire in che stato è, in che condizioni arriva. Poi, è un ruolo onestamente in cui il Genoa ha meno bisogno. Sinceramente, mi sembra un di più di cui il Genoa non ha bisogno».

Il pronostico - «Quando si affrontano due squadre in crisi è difficile dirlo. C’è un evidente vantaggio per chi gioca in casa all’inizio, però poi se non riesci a coinvolgere il pubblico amico, si crea un malumore tale che avvantaggia gli ospiti. Bisogna che i ragazzi di Juric siano molto bravi a cercare di far sì che questo diventi realtà. Perché a Cagliari è come da tutti le parti, quando la squadra non gira, cominciano a fischiare. Il risultato tra virgolette più probabile è il pareggio viste le situazioni di entrambe le squadre, però – poi – penso che le percentuali di vittoria dell’una o dell’altra siano abbastanza paritarie».

Venerdì 13 ottobre 2017 alle 17:45:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Notizie Genova






























Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News