Notizie cronaca genova Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 10.50 del 29 Maggio 2017

Quanto manca Mattia Perin al Genoa? Lo svelano i numeri

Quanto manca Mattia Perin al Genoa? Lo svelano i numeri

Genova - Stando a vedere le statistiche molto. Già, perché oltre l’apporto carismatico, il portiere classe ’92 riusciva a garantire una tranquillità difensiva che, da qualche turno a questa parte, la retroguardia rossoblù stenta a ricordare.

Eppure la stagione era cominciata con il dubbio amletico che affliggeva Juric: Lamanna o Perin?

L’opinione era divisa: tra chi pensava fosse meglio preservare il portiere laziale - reduce da un impegnativo intervento chirurgico – e chi lo avrebbe voluto vedere in campo sin dalla prima giornata.

Alla fine Juric optò per la prima opzione: fiducia a Lamanna (considerato "riserva di lusso") per le prime partite stagionali di agosto e rientro di Perin posticipato a metà settembre, quando il destino ripresentò la sfida con il Sassuolo.

Proprio al Mapei Stadium (cinque mesi prima) era avvenuto il fattaccio: rottura del legamento crociato e stagione finita, con il portiere costretto a rinunciare all'europeo tanto desiderato.

Dal 18 settembre in poi un escalation di prestazioni che hanno sempre di più convinto l’opinione pubblica della piena ripresa del calciatore, rientrato anche nei radar azzurri di Ventura.




Fino ad arrivare allo scorso 8 gennaio, quando - dopo appena otto minuti del match contro la Roma - Mattia Perin è costretto ad abbandonare tra le lacrime il Ferraris. La diagnosi accerterà poi una nuova rottura del legamento crociato dell’estremo difensore, tanto bravo quanto sfortunato.

Nel male, il Genoa poté ritenersi fortunato: in primo luogo, per ritrovarsi in rosa Eugenio Lamanna (considerato dai più un titolare); in seconda battuta, per la concomitanza del calciomercato. La dirigenza vagliò diversi profili, sino a giungere alla conclusione di acquisire il 34enne Rubinho.




Le prestazioni non incoraggianti di Lamanna convinsero il subentrante Mandorlini ad affidare la porta al brasiliano, che – complice il momento di crisi rossoblù – concluse con lo score di 8 reti al passivo in 180 minuti di gioco.




Il ritorno alla guida di Ivan Juric segna il rientro tra i pali di Lamanna, che molto probabilmente difenderà la porta rossoblù sino a fine stagione, in attesa che in futuro possa risuonare il fragoroso applauso della Nord per il proprio beniamino, Mattia Perin.

Venerdì 21 aprile 2017 alle 19:20:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Notizie Genova






























Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News