Notizie cronaca genova Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 23.13 del 23 Novembre 2017

Slow Fish, presentata la Carta di Genova

Slow Fish, presentata la Carta di Genova

Liguria - Presentata questa mattina da tutte le Regioni, riunite nella commissione Politiche agricole, nella sala dorata della Camera di Commercio di Genova, la 'Carta di Genova' sulle politiche della pesca e dell'acquacoltura.

Documento - "Come Regione Liguria – spiega l'assessore regionale alla Pesca Stefano Mai - siamo stati i promotori di questo documento che contiene una sintesi delle principali azioni che riteniamo siano indispensabili per il rilancio e la valorizzazione del settore della pesca". Durante la prossima conferenza delle Regioni, sarà portato all'approvazione dei presidenti il documento finale con le eventuali integrazioni da parte dei territori che potranno essere inviate nelle prossime ore.

Prodotti ittici - "La Carta di Genova – commenta l'assessore Mai – raccoglie gli intenti dei territori su punti che riteniamo strategici per il futuro del comparto. Ad esempio, ci sono lacune normative che vanno colmate sulla disciplina delle attività di pescaturismo e ittiturismo o sugli impianti per l'acquacoltura. Inoltre, esiste la necessità di una tracciabilità dei prodotti che chiarisca meglio al consumatore l'origine del pescato e quindi valorizzi l'attività delle nostre marinerie".

Obiettivi - La Carta di Genova è articolata in 10 punti: formazione degli operatori e dei tecnici per favorire il ricambio generazionale e l'innovazione; informazione attraverso una strategia nazionale di comunicazione sui prodotti agroalimentari e gastronomici italiani, che contribuiscono alla dieta mediterranea e alla cultura locale e nazionale; innovazione, con particolare riferimento alla sostenibilità, alle nuove specie da allevare o coltivare in acqua; qualificazione dei prodotti con la diffusione delle denominazioni d'origine, dei sistemi di qualità certificata, dell'acquacoltura biologica, della tracciabilità nelle filiere. Educazione alimentare e promozione dell'agroalimentare e della gastronomia italiana per incrementare il fatturato e il valore aggiunto dei prodotti ittici, sviluppare il turismo e le esportazioni. Organizzazione delle filiere per garantire un maggior valore aggiunto ai produttori primari, promuovendo la vendita diretta, le filiere corte, la valorizzazione delle produzioni artigianali tradizionali, l'utilizzo delle nuove tecnologie, la trasparenza dei prezzi e dei rapporti contrattuali con i commercianti e gli industriali - con particolare attenzione alla tracciabilità dei prodotti e all'etichettatura – e lo sviluppo dell'associazionismo. Sostenibilità della pesca -diffusione dei piani di gestione locali o di scala più ampia per i grandi pelagici, la pianificazione dei periodi di fermo – e dell'acquacoltura - con particolare riferimento alla localizzazione degli impianti, all'alimentazione dei pesci allevati, alla gestione di reflui e rifiuti, al benessere degli animali, alla definizione di linee guida -. Diversificazione e multifunzionalità del settore attraverso lo sviluppo dell'ittiturismo e pescaturismo











Giovedì 18 maggio 2017 alle 15:30:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Notizie Genova






























Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News