Notizie cronaca genova Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 10.00 del 20 Gennaio 2018

Samp, riprendi la strada smarrita!

Samp, riprendi la strada smarrita!

- Carissimi Amici Blucerchiati, tra poche ore la nostra Samp scenderà in campo a Marassi per tentare di riprendere la striscia esaltante di vittorie casalinghe, inopinatamente interrottasi dalla sfortunata sconfitta interna, made in Lazio; arriva il Sassuolo, apparentemente rigenerato dal fresco cambio di panca; oltre alla sfida in sè, sarà una splendida giornata, che celebrerà l'incontro con un mai dimenticato amico, Beppe Iachini, artefice di una straordinaria Mission Impossible in blucerchiato, quando con un girone di ritorno incredibile si riuscì a conquistare l'ultimo pass per i play-off, che ad un certo punto del percorso sembravano ormai essere un miraggio; le sfide cariche di phatos, proprio con il Sassuolo nelle semifinali, e con il Varese nelle finali, celebrarono un trionfo, che per tutti doveva essere anche propedeutico e consequenziale al rinnovo automatico del mitico Coach con il berretto a visiera; e invece i direttori dell'epoca non ci pensarono un attimo ad ingaggiare Ciro Ferrara, e a congedare il Beppe. Un disco interrotto, una nota stonata, un film senza il lieto fine... le strade potrebbero un giorno ricongiungersi, chissà... di certo oggi lo Stadio risaluterà il vecchio amico...

Il duplice impegno sampdoriano, contraddistinto dalla trasferta in terra sarda, e dal match di Coppa Italia in quel di Firenze, ha lasciato pochissimi sorrisi, e molta tristezza. Che Cagliari sia da sempre, sin dai tempi di Gigi Riva, una gara molto ostica per noi, è un qualcosa di certo ed ormai assodato. Le cabale e le tradizioni nel calcio, come in altri aspetti della vita, non dovrebbero però influenzare più di tanto gli eventi... soprattutto nei casi come quello dell'ultima sfida, dove a mio avviso i nostri ragazzi hanno giocato uno dei migliori primi tempi della stagione, quasi annichilendo gli avversari, giocando alla grande, esercitando dominio e sicurezza, e facendomi pensare, ahimè, che forse sarebbe stata una domenica straordinaria, per un successo mancante da ben due lustri in casa loro; invece, e qui sta l'imponderabile, e ti viene da pensare ad improbabili macumbe o cose simili, è avvenuto davvero l'impensabile, sotto forma di allucinante infortunio di Viviano, che su un facile rinvio centrava l'avversario, un palo nel deserto, verrebbe da dire, riaprendo una gara ormai finita, con un gollonzo che avrebbe scalato certamente la vetta di dell'antica classifica di Mai dire Gol! Decisamente Viviano non ha un buon feeling con Cagliari, dove si rese protagonista di un altro incredibile svarione, che spalancò la porta e la vittoria ai rossoblù di Sardegna... Al di là dell'errore tecnico e di concetto, che in un attimo esaltava un Team ormai sfiduciato e alla deriva, quello che si doveva assolutamente evitare era il non reagire immediatamente: invece... solo che pochi minuti dopo, ecco un altro svarione, questa volta di Murru (ahiaiai, troppi errori... dopo la Lazio... il Cagliari, e poi, qualche giorno dopo, la Fiorentina... un periodaccio davvero per il giovane terzino sinistro), che dava origine al comodo traversone per la testata del pareggio di Pavoletti; vero che negli ultimi dieci minuti si è rivista la Samp, vero che il loro estremo ha salvato il risultato, ma alla fine l'impressione è stata che abbiamo banalmente gettato al vento due punti preziosi, che sembravano ormai acquisiti.

Non è andata meglio a Firenze: dispiace essere usciti dalla Coppa, un Torneo che sempre il Doria ha avuto nelle corde, a livello di appeal e di risultati, visti i trionfi e le finali conquistate; con i Viola qualcosa non ha funzionato, anche nella direzione arbitrale, considerando che persino Giampaolo, che non polemizza praticamente mai nelle interviste dopo gara, si è lasciato andare a qualche civilissima critica. Pazienza, ci proveremo l'anno prossimo... augurandoci che i vertici federali comprendano quanto assurda sia diventata questa manifestazione, nei contenuti e nell'organizzazione della competizione stessa, che non ha ormai più nulla da spartire con gli analoghi Trofei di Germania e Francia, o alle Coppe Nazionali che si disputano in Spagna ed Inghilterra.

Tornando al match di oggi: recuperato Strinic, ed ancora out Linetty, il mister si affiderà alla solita squadra, con Gaston dietro le punte Duvan e Quagliarella, centrocampo con Torreira, Barreto e Praet, Viviano in porta, e quartetto composto appunto con Strinic e Bere ai lati, e Sivestre e Ferrari coppia centrale. La Samp deve riuscire a scacciare il fisiologico periodo di flessione di risultati, più che di gioco, degli ultimi tempi, aumentando la concentrazione, particolarmente sulle palle inattive, e soprattutto la determinazione; il Sassuolo è Team di qualità, e la sua classifica è occasionalmente povera; il trio d'attacco composto da Berardi, Falcinelli e Politano è molto insidioso (sempre che Falcinelli sia della partita), ma nel caso giocasse Matri non è che si può stare più sereni. Con Iachini in panca è normale attendersi una compagine carica e determinata, pronta a tutto. Starà ai nostri calciatori levarsi le ultime scorie prodotte da risultati non buoni, convinti della loro forza, lottando in umiltà con grinta e ferocia agonistica.

Oggi è molto importante, bisogna giocare bene, ed anche tornare alla vittoria. Forza Ragazzi. Siamo tutti con voi.

Domenica 17 dicembre 2017 alle 10:40:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Notizie Genova






























Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News