Notizie cronaca genova Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 18.25 del 23 Gennaio 2018

Il Senato, il Senatore e quella strana voglia di occuparsi di calcio

Il Senato, il Senatore e quella strana voglia di occuparsi di calcio

- Che l’attività del Senato della Repubblica sia spesso oggetto di perplessità da parte di noi cittadini è ormai cosa nota: la Camera Alta del nostro ordinamento legislativo non sempre brilla di luce propria e i dibattiti che vi prendono parte (attenzione, questo vale anche per i colleghi deputati) non sempre sono in linea con le nostre altissime aspettative.
Ciò che è avvenuto ieri, però, supera di gran lunga il ridicolo consentito e sprofonda nell’argomentazione da puro Bar Sport.
Certamente il Senatore Franco Cardiello, che ha presentato un’interrogazione urgente al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, affinchè vigili e all’occorrenza decida di rinviare la partita Chievo – Sampdoria a causa dei sospetti di combine, visto l’altissimo numero di giocate sul segno X, ha agito con convinzione, pensando di tutelare gli scommettitori e garantire la correttezza del campionato di calcio, ma portare una discussione simile, di competenza della Giustizia Sportiva, almeno in prima istanza, nell’austere aule di Palazzo Madama sa di burla.
Per quale ragione, infatti, un senatore decida di intervenire su una questione giudicata irrilevante dalla stessa Commissione Federale è un mistero.
Non sarà forse che, com’è accaduto in passato, i nostri politici tifosi vogliono cercare di incidere sui risultati sportivi? Certe prese di posizione, mentre infuriano guerre sanguinose alle nostre frontiere, migliaia di immigrati si ammassano disperati su carrette del mare, la politica si spacca su provvedimenti in materia di giustizia, non alimentano il sospetto che la combine, piuttosto che tra Chievo e Sampdoria, si voglia tentare ai massimi livelli istituzionali?
Eppure Cardiello, eletto in Campania, non dovrebbe avere particolari interessi nella lotta per la salvezza, senza contare che i suoi ultimi atti sono tutti di alto interesse (Misure per la creazione di "case famiglia" per detenute con figli minori; Disposizioni a tutela del rapporto tra detenute madri e figli minori; Modifiche al testo del decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28, in materia di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali, giusto per citare le più recenti).
Dunque? Era proprio necessario interrogare Berlusconi (presidente del Milan) in materia di scommesse sportive con esplicito riferimento a Chievo – Samp? No, non lo era. Speriamo che il Senatore torni ad occuparsi di detenute con figli minori. Gliene saranno grate le detenute, i figli e anche i tifosi delle squadre di calcio.

Giovedì 31 marzo 2011 alle 12:40:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Notizie Genova






























Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News