Notizie cronaca genova Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 10.00 del 20 Gennaio 2018

L'ombra di Gasperini ed i compiti dell'allenatore moderno

L´ombra di Gasperini ed i compiti dell´allenatore moderno

- Il tempo dell’allenatore classico a mio parere è finito. Troppi risultati altalenanti per questi capitani di plotoni specializzati che sono discontinui e in disallineamento anno dopo anno. Questi professionisti passano da annate piene di successi a flop clamorosi e il tutto perché mai o quasi incidono a pieno sulle scelte tecniche e nella creazione della rosa di una squadra. Non ci sono pari situazioni nella vita, chiamiamola civile, di over e di flop così ravvicinati per non far pensare essere, questi signori allenatori, molto poco influenti sulle sorti di una compagine calcistica. Esiste un vademecum del buon costruttore di squadra di calcio? O una figura simbolo dell’uscita dall’empasse?. Ma certamente secondo me è il manager che compra/sceglie la rosa e la mette in campo coadiuvato da un pool di istruttori di campo dove ognuno cura la sua nicchia, penso ci dovrà essere l’istruttore di tecnica di base, di tattica di tattica difensiva e offensiva di strategia di palla inattiva passiva e attiva , preparatore atletico e cos via.

Insomma una squadra di lavoro ben più professionale e selettiva che alla fine riconduce il tutto a una sola persona: il manager. Dite in Inghilterra lo fanno da tempo, insomma il sistema Ferguson, io dico lo fa da tempo anche Spalletti ma siamo ancora all’empirismo molto distante dalla organizzazione capillare e industriale di campo. Noi oggi abbiamo Marino che vince o perde a seconda se può mettere Gilardino e Palacio assieme o meno in campo. Io penso che se potevano giocare Gilardino e Palacio assieme poteva restare pure Malesani o andarci io in panca. Il problema era chi doveva scegliere, subito, e mettere da subito i 2 ragazzi assieme. Ma lasciamo perdere il Genoa parliamo, per esempio, dell’Inter che sostituisce Thiago Motta con Palombo, secondo voi sta scelta l’ha fatta/condivisa Ranieri?..essuuuu. Ma se Ranieri fosse il manager con il budget e la disposizione del denaro difficilmente avrebbe fatto questa scelta, o no?. Abbiamo perso col Chievo, ci sta e sento parlare di Sean Sogliano. Sarà vero? Ma io certo non lo so e pur attribuendo grandi meriti e valore al lavoro di Capozucca, un grandissimo e io posso dirlo avendolo visto più volte anonimo in gradoni di campi di provincia quando i tempi non erano a lui favorevolissimi, dico che Sean ha tutto per fare bene. Intanto è figlio d’arte e dalle quattro cose che ha fatto sin’ora dimostra di avere i geni a posto. Poi, in tempi non sospetti mi sono imbattuto in un suo Varese che militava in c2 che faceva forse esordire, contro il Mezzocorona, credo, lo sconosciuto Gabionetta, l’Aristoteles Brasiliano pagato credo meno di 50 mila euro, ero lì a prendere Ruben il mio Coker Spaniel e per non perdere il vizio mi vidi quella gara. L’Americano segnò e si fece espellere dimostrando, però, di essere di 2 categorie, almeno, superiore. Insomma ci sono lavori in corso e se arrivasse il figlio d’arte come non pensare a un Genoa 2012/13 targato Sannino?.
Come vedete si fantastica ma la via è, secondo me, tracciata il futuro sarà delle società con manager alla Ferguson squadre governate da pool di professionisti in sinergia con un unico timoniere che ,credo, dovrà avere anche il controllo delle finanze. Vediamo un po’ come andrà a finire, certo credo sia chiaro che tutti questi alti e bassi di validi professionisti avvalora la tesi che le epoche di Gasperson sono ancora verdi e floride e che, come previsto, la sua sostituzione avrebbe creato qualche problema, diciamo di crescita.

Lunedì 20 febbraio 2012 alle 19:50:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Notizie Genova






























Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News