Notizie cronaca genova Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 17.30 del 20 Gennaio 2018

Samp, una campagna acquisti coraggiosa: tocca al campo il verdetto definitivo

Samp, una campagna acquisti coraggiosa: tocca al campo il verdetto definitivo

- Carissimi Amici Blucerchiati, la stagione si è aperta con il classico... "buona la prima", attraverso un successo convincente contro l'ostacolo Bassano in Coppa Italia, che ha riproposto Luis Muriel in versione bomber. Tra pochi giorni prenderà il via il campionato, con la trasferta empolese, fresco amarcord per il tecnico doriano Giampaolo. Iniziare bene sarebbe un buon viatico, darebbe morale e soprattutto punti ad un Team molto rinnovato nella rosa, ed ancora in pieno tourbillon di mercato, cosa che probabilmente continuerà sino alla chiusura ufficiale delle trattative. Una volta ricordo che le mosse del mercato potevano garantire ad un Club più o meno abbonamenti: quasi un giudizio dei sostenitori, al di là del classico zoccolo duro di Supporters fedeli. Della serie: vediamo un po' il Presidente come allestisce la Squadra... Oggi le cose sono cambiate, ed in questo calcio sappiamo benissimo tutti che gli abbonati, per quanto importanti, non rivestono più, purtroppo, un ruolo fondamentale nel bilancio di una società, anche se rappresentano il valore unico, e fondamentale, nella presenza e nell'aiuto casalingo al Team del cuore. Semmai, sarebbe discutibile questo modo di fare mercato, dentro uno e fuori due, dall'oggi al domani, oppure con uno che arriva, e subito se ne parte... Questo è il calcio moderno... ed il Tifoso è poco rispettato, da questo punto di vista. Definire un po' particolare il momento della Samp mi sembra la considerazione giusta. Dopo il caso Cassano, con la scelta del Club di affossarlo proprio nel momento in cui il giocatore aveva chiaramente mostrato, sia a parole, ma anche nei fatti, di voler essere ben presente e determinante nella stagione, presentandosi in ritiro tirato a lucido come non mai... il minimo che mi sento di dire è che la scelta è da ritenersi davvero infelice; sbagliatissimo poi, per la credibilità ed il comportamento dei vari protagonisti, la gestione della situazione, con dichiarazioni ufficiali alla stampa, poi completamente modificate di trecentosessanta gradi a distanza di pochi giorni. Anche il vieni e vai di Castan non è stata una bella cosa: forse sono nati problemi tecnici o di ambientamento, ma anche questo è stato indubbiamente un passaggio originale... Il capitano De Silvestri se ne è poi andato al Toro, e qui non so davvero cosa dire... Mi aspetto ora che almeno Pereira non venga ceduto al Benfica... Dopo Bruno Fernandes è tornato Dodò, e pare sia praticamente fatta per Praet, un giocatore che tutti reputano molto interessante. Sul piede di partenza sempre Ivan (io me lo terrei). Prove di rinnovo per Viviano, speriamo in una fumata bianca. Di certo questa campagna è da definire molto coraggiosa e, se le cose andranno bene, in futuro anche molto redditizia. Il Club si è riempito le tasche ed ha rasserenato alla grande il bilancio, con la cessione dei pezzi pregiati; ora riprova il gioco della scommessa (ragionata) su giovani virgulti, con qualcuno che già si è oltremodo positivamente messo in luce. Una scelta potenzialmente lungimirante, non c'è che dire, anche se qualche atleta di esperienza non guasterebbe. Il calcio è bello perchè fa tacere o parlare di domenica in domenica. Ritengo quindi doveroso attendere le risultanze del campo prima di dare un giudizio. Mi permetto però di criticare costruttivamente la lacuna, come si diceva a scuola, o la spina nel fianco, se volete, che questa compagine presenta ciclicamente da quando sir Daniele Gastaldello ha lasciato la maglia per approdare con i felsinei bolognesi. E' da quel giorno che la Samp, dietro, ha ballato parecchio, non è più stata ordinata, e dove Viviano ha dovuto effettuare sforzi supplementari per salvare la porta. Alla Samp, da quando il Gasta non c'è più, manca il capo-difesa: quello che comanda la retroguardia, quello che fa uscire la difesa, quello che, con convinzione e con comandi secchi e precisi, fa muovere in sincronia il reparto, lasciando spesso in off-side gli avanti avversari. Con Romagnoli in prestito secco, e con poche possibilità di rinnovare, la scelta di Sinisa ha portato a effetto domino la volontà del capitano di emigrare, e certamente non gli si può dare torto. Silvestre, Moisander, Cassani, Ranocchia o Regini, nessuno secondo me aveva, od ha, le caratteristiche del leader di retroguardia, del comandante della terza linea. Ero contento quando hanno preso Castan, lui poteva servire allo scopo; ma dopo le foto e qualche allenamento, se ne è andato in granata (toh, da Sinisa...) insieme a Lollo... Io mi auguro davvero che, al di là dei continui movimenti ed accostamenti di mercato ad attaccanti e soprattutto a centrocampisti, la società cerchi un giocatore con le caratteristiche sopraccitate: questo sarebbe davvero il colpo utile alla nostra compagine, il vero toccasana per vivere un po' più tranquilli, lì nella Sud, quando gli avversari ci attaccano. Staremo a vedere cosa accadrà da qui al 30 agosto: concentriamoci ora sul primo atto stagionale, ad Empoli: partire bene sarebbe, come già detto, fondamentale. Forza Sampdoria, come sempre i Tifosi saranno insieme a Te!

Venerdì 19 agosto 2016 alle 19:30:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Notizie Genova






























Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News