Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 20.30 del 19 Agosto 2018

Genoa, la forza nel centrocampo. Frey il grande colpo

Genoa, la forza nel centrocampo. Frey il grande colpo

Genova - Il ritiro sta finendo e la prima nota positiva, immediatamente mettere mano a toccare ferro se non qualcosa d’altro, sta nell’aver visto i ragazzi, quasi tutti, sempre presenti agli allenamenti. Non sono andato in Austria ma le letture dei quotidiani, dei siti genoani, le telefonate con amici che sono presenti agli allenamenti oltre la gara vista in tv, mi hanno portato a considerare il centrocampo del Genoa 2011/2012 il vero fiore all’occhiello della formazione. Malesani è partito da quello che un po’ tutti pensavano come un reparto a 3 con Kucka e Costant ai lati di un Veloso formato “sogliola”. Insomma forza spinta e piedi buoni. Il reparto può contare anche su un validissimo ruba e raccatta palloni, tutt’altro che sprovveduto tecnicamente, Seymour e su due trequartisti come Birsa e Merkel (l’unico fermo ai box) adattabilissimi al ruolo di mezzala in una 3 di centrocampo. Dietro abbiamo cambiato poco e abbiamo visto, al momento, ancora meno. Difendiamo a 4 con Antonelli, Rossi o Mesto terzini e con 2 centrali di difesa. Apro una parentesi per poi non tornarci sopra, io credo che con il possibile arrivo di un centrale di difesa “importante” e visti i calciatori in rosa, Malesani potrebbe se non sempre almeno qualche volta farci vedere la 3-5-2. Chiusa la parentesi passiamo all’attacco. Bene Ze Love, subito etichettato come attaccante “europeo” e la cosa va letta in senso positivo parlando di un Brasiliano, ha fatto già vedere che la Libertadores non te la regalano. I due granatieri Ribas e Pratto soprattutto, al momento, hanno fatto vedere cose buone ma ho la sensazione che non siano ritenuti sufficienti per un attacco di una formazione con le ambizioni del Genoa di Preziosi. Insomma parrebbe che il presidente ci voglia regalare, oltre a uno stopper di valore (mia sensazione) anche un attaccante da top player. Palacio richiesto dall’Inter e forse ritenuto meno importante di prima nello scacchiere del nuovo Genoa potrebbe aprire la porta al ritorno del Principe. Ora io non mi avventuro in disquisizioni su bilanci e convenienza nel pagare questa o quella cifra le prestazioni di un calciatore, non mi ci infilo perché non mi compete, non sono un socio di Preziosi e francamente non sapendone nulla della gestione del Genoa la cosa mi riguarda e affascina poco, dico semplicemente che se Milito venisse io sarei felice esattamente come 3 anni fa. Milito, secondo me, è l’attaccante più completo che oggi gioca in Italia e che ha fatto vedere con la nostra maglia e ancor di più con quella dell’Inter cose difficilmente ripetibili. Verrà?, non verrà? E che cosa volete ne possa sapere io, mi limito a constatare che il solo parlare di avvicinarsi a tali campioni indica che il club e il suo Presidente su tutto e tutti è ambizioso e non credo si accontenti di un piazzamento intorno al decimo posto, che a mio parere è sempre sottoscrivibile. Sento continuamente l’ormai stucchevole adagio che accompagna le campagne acquisti del Genoa, il monocorde refrain dei troppi cambiamenti e leggo o sento commentare sempre troppo poco l’abilità e la genialità con cui con grandissimo acume e competenza il Genoa, di fatto, rinforza squadra e il proprio patrimonio riuscendo, a quanto pare, a fare pure cassa o al limite rinvestendo con grande professionalità il ricavato dalle cessioni più convenienti . Insomma per una volta abbiamo manager che sanno fare il loro mestiere e grazie anche alla proprietà ci garantiscono un futuro se non da Champions League almeno di assoluto rispetto nel panorama calcistico Italiano, cosa che a quanto pare non riesce a altri club dotati di simili bacini d’utenza. Ora avremmo, sentendo qualcuno o leggendo la formazione oggi, il problema del portiere. Oggi è vero ma intanto il mercato non è chiuso e c’è da tenere conto che il portiere lo avevamo già preso ma i tempi tecnici dovuti a coppa america e cessione di Eduardo hanno ritardato il passaggio di Viviano sotto di noi e poi l’infortunio dello stesso ha fatto il resto. Oggi però l'arrivo di Frey può farci dormire sogni tranquilli perchè il suo apporto alla causa rossoblu sarà sicuramente fondamentale. Come avrete notato non ho parlato di Malesani e nemmeno di Milanetto. Beh del tecnico parla il suo curriculum e poi parlerà il campo. Io sono convinto che l’allenatore è importante ma conta e anche molto il materiale che allena e che società ha alle spalle. Aspettiamo il completamento della squadra e qualche partita in più per verificare e aumentare l’entusiasmo che già credo questo Genoa, così forte a centrocampo, ci infonde. Più che di Milanetto avevo parlato e scritto qui sopra subito dopo quel derby tutte le mie sensazioni, bene credo oggi ci sia poco da commentare, se non notare che Omar è andato, per sua scelta, a giocare nel Padova e non è andato a spingere carrelli in miniera.

Venerdì 29 luglio 2011 alle 20:40:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova






VIDEOGALLERY



























Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News