Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 18.55 del 16 Novembre 2018

La rinascita del Genoa ha un nome e cognome: Davide Ballardini

La rinascita del Genoa ha un nome e cognome: Davide Ballardini

- Eccoci qua. Grandi e belle notizie in arrivo. Sia dal settore giovanile dell’amico Michele Sbravati che sforna campioncini in quantità industriale, dopo averne individuati di potenziali, e lo fa con fatica dedizione intuizione applicazione mettendo sul campo tutta la professionalità a disposizione che è tanta, che dalle scelte societarie e in questo il ritorno di Mimmo ne è una grande testimonianza.

Bene un po’ di sano ottimismo anche derivante dalle ultime tre imprese che i BallaBoys hanno centrato. Di giocatori e citazioni potrei farne a iosa ma mi limito a 3 profili, va quattro.

Mattia. Il miglior portiere Italiano e oggi uno dei primi tre d’Europa, quando lo dico mi contestano non abbia esperienza internazionale, essì che io di portieri non me ne intendo ma non mi pare in Europa le porte siano più grandi, si usino palloni diversi o tirino più forte . Bene Mattia è il più forte, io ho la testimonianza di persona vicina a me che lo ha conosciuto, bensì sia di 3 anni più giovane quando già faceva miracoli a Pistoia, un guascone che oggi ha lasciato la pazzia/coraggio solo nel mestiere di portiere. Sempre detto sarebbe diventato il più forte, me lo sentivo , me lo sentivo dopo la lussazione alla spalla, che è peggio di una rottura o i 2 crociati in 2 ginocchi diversi, uno vissuto in diretta per un tempo a Reggio. Cari Orsetti di gomma dal procuratore intrallazzone, questo ha gli attributi, è come il mio compagno d’infanzia Ercolino sempre in piedi, questo non lo batti non lo scoraggi questo ha forza.

Spolli, beh da veccio stopper scarso The Wall ri sta dando dignità a tutti quelli che facendo il suo mestiere servono più del pane a tavola. La rinascita del Genoa passa anche da lui. Grandissimo stopper, stopper vero come non ne escono più

Hjliemark, leggevo di Lady Oscar, ebbè questo picchia anche un magrebino nei vicoli, uso luoghi comuni per esasperare il concetto, altro che lady oscar questo ha talento corsa e in campo è pure cattivo, nel giusto e soprattutto ci ha riconsegnato Laxalt, che orfano di Perotti e Ocampos era naufragato. Oggi Hjliemark da sostanza e copertura a Laxalt che è tornato giocatore vero da 15 milioni in su. Bergomi ieri diceva l’Inter un Laxalt nOn lo ha. Il miracolo lo ha fatto Ballardini.

Ora dovrei dire che secondo me un allenatore al massimo contribuisce per un 20% in senso positivo e pure un 80% in quello negativo. Non se la abbia a male Juric, ma dannatamente lui lo liquido così, il Balla sta dimostrando quantomeno che la rosa non era formata da giocatori così scarsi. Non sei terzo in 13 giornate con una rosa scarsa, certo che il paragone col predecessore è impietoso quindi diamo a Ballardini cosa è di Ballardini e cioè pieni meriti.

Sabato andiamo a Bologna, come scrivevo in altro sito rivado a Bologna, da mia figlia, me ne rivado al Dall’Ara, li ho visti domenica rubare insieme all’arbitro al Sassuolo, poi mi sposto al parcheggio 8 agosto, capatina in via Indipendenza quindi da Toni, tourtelen culatello con scaglie di reggiano ( a me queli di parma stanno sul…J ) naturalmente il tutto bagnato da sangiovese e poi rientro

Comunque vada sarà un successo. Ecco il grande merito del Balla, parti e puoi dire, comunque vada sarà un successo.

Giovedì 22 febbraio 2018 alle 18:15:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News