Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 18.15 del 23 Ottobre 2018

Mercato del Genoa in pieno fermento, fiducia rinnovata nel lavoro della società

Mercato del Genoa in pieno fermento, fiducia rinnovata nel lavoro della società

Genova - Per un’analisi generale sullo stato del club credo non sfugga a nessuno il fatto che i nostri giovani non possono aspirare solo a Entella o Savona, col dovuto rispetto per queste formazioni, ma a squadre di ben maggior valore e tasso tecnico di serie B se non addirittura di serie A. Quindi in questi giorni assistiamo, memori dall’ottima riuscita del prestito di El Sharawy, all’accasamento a Padova di 5 nostri primavera, i ragazzi giovani devono giocare e bene fa il Genoa a tenerli sottocontrollo e però metterli in condizione di disputare un torneo importante come quello di serie B. L’anno prossimo ne avremo tantissimi, di giovani di nostra proprietà che disputeranno il campionato cadetti, ora elencarli tutti mi ci vorrebbe mezza colonna, quindi credo che per chi sosteneva non uscissero giocatori dal duo Sbravati Donatelli e che vincessimo solo titoli e trofei fini a se stessi sia arrivato il momento di rivedere le sue posizioni.
Sul nostro Faraone che pare in procinto di passare al Milan, dico soltanto che capisco e condivido l’operazione per così dire industriale, mi resta comunque il magone di vedere un ragazzo portato, credo da Sbravati a 12 anni da noi non vestire la nostra maglia della prima squadra una sensazione che in altro sito avevo descritto, probabilmente impropriamente, come il perdere nella musica la terza armonica, quel qualcosa che non si sente ma c’è e per chi cerca nelle cose che ama la poesia l’emozione, quella benedetta da me definita “terza armonica” è la cosa più importante. Ripeto e la finisco qui capisco condivido ma da tifoso e da persona che ama il Genoa mi sento qualcosa di meno addosso. La vita va avanti il calcio va avanti, poi magari EL92 ce lo ritroveremo presto con noi, anche se non me lo auguro per lui (vorrebbe dire che non era ancora il momento per andare al Milan). Ho sentito l’intervista di Merkel, ebbè e cosa avrebbe dovuto dire?. Cioè, diciamoci una cosa con franchezza, ma se noi fossimo tifosi del Valencia e sentissimo un calciatore del Real Madrid ceduto al Valencia dire che preferirebbe restare a Valencia e non tornare al Real saremmo contenti del sentito o ci sentiremmo presi per i fondelli?. Merkel ha giocato 6 partite al posto di Seedorf e al Milan stava succedendo un macello, se non ci avesse pensato Gattuso, evabè su…, voglio dire il biondo ha stoffa era giocatore del Milan è normale ci voglia tornare, per tornarci sa lui per primo che dovrà fare benissimo da noi e io gli auguro di fare benissimo da noi. Leggo del possibile arrivo del Clivense Constant in cambio di milioni e Acerbi, beh l’operazione mi piace molto per due ragioni la prima che Costant è forte e può fare più ruoli d’attacco, vedi trequartista o laterale, con buona propensione al sacrificio difensivo, la seconda che Acerbi, che io conosco da quando giocava nel Pavia per averlo visto più volte dal vivo, non credo fosse giocatore, ancora, da Genoa e che comunque sarebbe stato chiuso dall’arrivo dell’ottimo Granqvist, giocatore di ben altro spessore.
A chi vede solo le cessioni di giocatori affermati e di ragazzi di grande prospettiva dico di vedere anche gli arrivi, perchè mentre scrivo mi pare di leggere su Sky l’arrivo di un portiere, che non conosco, classe ‘94 tale Lucas Zima dallo Slavia Praga per 1 milione di euro che si va a aggiungere a tanti altri acquisti di prospettiva e a molti movimenti che potrebbero portare a breve altre novità. Il Genoa si sta sempre meglio e più profondamente strutturando e dimostrando club di grande mezzi e competenze umane, professionisti con grandi abilità nel settore e conoscenze oltre a rapporti consolidati a massimi livelli non semplici da costruire. Il risultato sembra un caos, una confusione di arrivi e partenze ma invito a leggere più a fondo e, al limite, ai più pessimisti e polemici chiedo di sforzarsi almeno a definirlo almeno un caos organizzato. Detto questo e bando agli scherzi credo che il progetto e la mission di chi lavora nel Genoa sia palese: bisogna trovare giocatori giovani forti non ancora consolidati ai vertici del calcio europeo ma comunque di grande prospettiva, che possano crescere al Genoa e fare crescere il Genoa. Se lavori con professionalità, ogni tanto puoi togliere la “terza armonica” a un tifoso come me, ma dai continuità e certezza di risultati oltre che tranquillità ai tuoi sostenitori, credo il Genoa stia facendo questo, in 4 campionati sempre a sinistra della classifica 3 volte al nono posto, in coabitazione e una volta quarti a pari merito con la Fiorentina, tra l’altro 2 campionati su 4 con lo stesso risultato finale dei Viola. Aspettiamo il giorno del raduno poi le prime amichevoli, lo dico in generale e soprattutto per i sempre scontenti, io credo di aver capito il Preziosi pensiero e come si muove il club, voglio dire io sono tranquillo.

Lunedì 20 giugno 2011 alle 20:32:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News