Anche Fincantieri Yachts entra in Nautica Italiana

Genova - Nautica Italiana raggiunge i 103 associati e accoglie l'ingresso di un nome pesante come Fincantieri Yachts. La notizia arriva a margine dell'assemblea dei soci che si è tenuto negli scorsio giorni presso i cantieri Riva a Sarnico. “Sono entusiasta di poter dare oggi il benvenuto al nuovo socio Fincantieri Yachts, che si aggiunge agli importanti nuovi soci dell’ultimo anno - le parole del presidente Lamberto Tacoli - Questa è la riprova della grande attrattiva del progetto di Nautica Italiana e della serietà del lavoro svolto in un comparto che ci vede leader nel mondo in più segmenti. Questo rimane il principale obiettivo della nostra associazione, promuovere l’eccellenza nautica italiana nel mondo”.
Variato l'assetto organizzativo dell'associazione, a una nuova direzione generale si affiancherà – sostenendola nei progetti strategici e specifici - l’attuale segreteria generale affidata allo spezzino Lorenzo Pollicardo. E’ stato quindi nominato direttore generale Marco Cappeddu, già vicepresidente, con l’obiettivo di rendere più operativi i nuovi progetti, di offrire nuovi e maggiori servizi ai soci e di rappresentarne le istanze di “lobby” in modo sistematico nelle opportune sedi.

«L’associazione sta mettendo in atto un nuovo progetto volto a coinvolgere i più importanti studi di progettazione e i più prestigiosi designer italiani, perché siano parte integrante e attiva di Nautica Italiana, portandola a rappresentare l’eccellenza di ogni singola preziosa componente nautica: dalla cantieristica e la componentistica ai servizi, refit&repair, design e professioni, fino ai marina, ai territori di eccellenza e i distretti regionali della nautica», si legge in una nota.

Nautica Italiana conta oggi 103 soci, suddivisi nei settori della cantieristica e new building (31%), refit (9%), accessoristica e componentistica (23%), servizi (25%), marina (8%) e design (4%). Sulla base dei dati 2016, il fatturato globale dei soci è di circa 1,7 miliardi di euro - valore che risulta essere di oltre 1,45 miliardi di euro se si considera solo la produzione cantieristica nautica - per un totale di oltre 4 mila addetti diretti e 15mila operatori dell'indotto.
Da luglio 2017 hanno aderito al progetto di Nautica Italiana: Fincantieri Yachts (costruzioni grandi yacht); Castoldi Jet (costruzioni imbarcazioni a motore); Sant'Andrea, Thermowell (accessoristica); Agenzia Marittima de Felice, Luca Dini Design, FM Architettura d'Interni, MagDesign, MEGROUP, Officina Italiana Design, Francesco Pazskowski Design, Scuola Nautica Spotornoli, The Branding Crew, Victory Design, Zuccon International Project (servizi/design); Porto Piccolo (marina).

Oltre al neo eletto direttore generale, l’assemblea ha ratificato la nuova nomina di vicepresidente per Michele Gavino, amministratore delegato di Baglietto e già consigliere; Claudio Galbo, Fincantieri, ed Enrico Sgarbi, Gruppo Ferretti, nominati Consiglieri. Il comitato di presidenza vede quindi a fianco del presidente Lamberto Tacoli, i vice Giovanna Vitelli (presidente vicario), Alberto Amico, Cataldo Aprea e Michele Gavino e i consiglieri Claudio Galbo, Daniele Guidi, Fabio Pesto, Matteo Italo Ratti, Dino Salvemini ed Enrico Sgarbi. Direttore generale Marco Cappeddu, segretario generale Lorenzo Pollicardo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA