Ballardini: “Ci siamo spaventati di vincere. De Rossi? Impazzisco per lui”

Genova - “Una partita giocata con la testa, con il cuore e con ordine ma possiamo fare meglio, soprattutto essere più aggressivi ed essere più ordinati in fase offensiva. Abbiamo i giocatori per vincere le partite e serve più concretezza”: lo ha dichiarato l’allenatore del Genoa, Davide Ballardini, al termine della partita pareggiata 1-1 contro la Roma.

Avversario - Il mister rossoblu ha poi parlato dell’avversario: “La formazione giallorossa è una grandissima squadra che lotterà per lo scudetto, sta facendo molto bene in Champions League e si gioca il passaggio del turno. Se concedi spazi rischi di essere punito, noi però siamo stati bravi e ordinati e abbiamo concesso poco. In compenso abbiamo creato anche quattro-cinque palle gol che però non siamo riusciti a concretizzare”.

Rosa - Oggi si è sbloccato Lapadula, per lui primo gol con il Genoa. Così Ballardini: “Aveva bisogno di segnare, è un attaccante che vive per quello, però mi aspetto molto da lui come del resto da tutto il gruppo. Centurion è rimasto fuori perché in panchina sono costretto a portare un totale di giocatori per ruolo mentre Bertolacci è un ragazzo intelligente, ha qualità fisiche e tecniche importanti e deve migliorare. Turn over in Coppa Italia? Ci sono tanti ragazzi che meritano di giocare, vedremo in questi giorni”.

Espulsione - Il gol del pareggio del Genoa nasce da calcio di rigore a seguito della manata di De Rossi su Lapadula. Ballardini commenta così il gesto del capitano giallorosso: “Devo vedere ancora l’azione. Daniele è un bravo giocatore ma ogni tanto cade in errori. Impazzisco per lui, però ha sbagliato, può capitare”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA