Concorso regionale sulle Foibe, Muzio presidente della Giuria

Liguria - Claudio Muzio, consigliere regionale di Forza Italia e segretario dell'Ufficio di Presidenza, è stato nominato presidente della Commissione giudicatrice della XVII edizione del concorso per le scuole "Il sacrificio degli Italiani della Venezia Giulia e Dalmazia: mantenere la memoria, rispettare la verità, impegnarsi per garantire i diritti dei popoli". Della Commissione fanno parte, oltre a Muzio, le consigliere regionali Alice Salvatore (M5S) e Lilli Lauro (Gruppo Toti), e quattro rappresentanti dell'Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia.

La premiazione degli studenti avrà luogo nel corso della seduta solenne del Consiglio Regionale che si tiene annualmente per la celebrazione del Giorno del Ricordo. I vincitori, inoltre, parteciperanno in primavera ad un viaggio studio presso i luoghi simbolo del martirio e dell'esodo delle popolazioni giuliano-dalmate, e saranno accompagnati da una delegazione di consiglieri regionali e da rappresentanti delle Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia.

"Sono onorato di poter presiedere la Commissione" ha dichiarato Muzio al termine della prima riunione, svoltasi quest'oggi nella sede del Consiglio Regionale in via Fieschi. "L'oppressione e le violenze subite per mano delle milizie di Tito da questi nostri fratelli italiani a partire dagli ultimi mesi del 1943, e in maniera più intensa dopo il 1° maggio del 1945 - ha aggiunto il consigliere di Forza Italia - rappresentano una pagina tra le più infami e tragiche della nostra storia. Come ha affermato la giornalista e scrittrice Lucia Bellaspiga, oratrice ufficiale a Genova in occasione del Giorno del Ricordo 2017, 'mentre nel mondo si celebrava la sospirata pace, per gli italiani di Venezia Giulia e Dalmazia la guerra riprendeva più feroce di prima' e assumeva i connotati della pulizia etnica ai danni dei nostri connazionali".

"Per troppo tempo – ha sottolineato Muzio – queste vicende sono state taciute e censurate nei libri di testo, nella storiografia ufficiale e nel dibattito pubblico. Fortunatamente, a partire dal 2004, hanno trovato spazio grazie all'istituzione del Giorno del Ricordo, celebrato ogni anno il 10 febbraio".

"All'inizio dello scorso mese di aprile – ha detto ancora il consigliere - in rappresentanza dell'Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale ho partecipato al viaggio studio con i ragazzi vincitori della XVI edizione del concorso: vedere di persona le foibe di Basovizza e Monrupino fa capire, molto più di tante parole, il livello di violenza di cui furono vittime decine di migliaia di uomini e donne, 'colpevoli' soltanto di essere italiani. Allo stesso tempo mi ha profondamente commosso il fatto di vedere quanto sia ancora radicato, in queste terre, il sentimento di italianità".

"Di fronte a tutto ciò – ha concluso Muzio – abbiamo il dovere della memoria, e in questo senso è particolarmente importante il concorso promosso dalla Regione. Anche quest'anno gli elaborati pervenuti sono davvero tanti, 198, segno di un forte e ormai diffuso interesse per questa terribile pagina della nostra storia".


© RIPRODUZIONE RISERVATA