Fusione Amt/Atp, cosa succede ora?

Genova - «Stiamo lavorando affinchè ci sia l’affidamento diretto del servizio di trasporto pubblico da parte di Città Metropolitana a AMT per il bacino urbano, e ATP per quello extraurbano genovese. Sia in Comune che nel consiglio metropolitano sono state fatte delibere per arrivare a una conclusione»: lo ha dichiarato questa mattina, durante la conferenza del bilancio dei primi sei mesi della giunta, l’assessore ai trasporti del comune di Genova, Stefano Balleari.

Finanziamento - «Inoltre è stato fatto un programma per ovviare ad eventuali inconvenienti – ha proseguito – in caso ce ne fossero e perciò abbiamo sterilizzato una possibile diminuzione di finanziamenti».

Fusione e socio privato - Balleari si è poi concentrato sui tempi della fusione e del socio privato: «Per quanto riguarda il primo punto ci sono dei tempi tecnici da rispettare, se non sbaglio 60 giorni per fare sì che eventuali creditori possano fare ricorso, dopodichè faremo la delibera vera propria con la fusione per incorporazione, mentre per quanto riguarda il secondo ci stiamo lavorando e muovendo con attenzione, il nostro desiderio è la gestione in mano pubblica del servizio sia urbano che extraurbano».


© RIPRODUZIONE RISERVATA