Genova incrocia le dita: i soldi per rifare il look al Ferraris

Genova - Su iniziativa del consigliere delegato alla Promozione ed educazione allo sport Stefano Anzalone, la Giunta ha approvato – nelle scorse settimane – la partecipazione al bando del Coni "Sport e Periferie" dedicato all'erogazione di finanziamenti a favore di impianti sportivi di proprietà comunale che necessitano di interventi di completamento e di adeguamento normativo e che si trovano in zone periferiche.

«Lo sport, i valori sociali che lo contraddistinguono e gli impianti nel quale poterlo praticare al meglio sono fra le nostre priorità – aveva dichiarato il consigliere delegato Stefano Anzalone –. La nostra volontà è quella di fare il meglio possibile. Lo dimostriamo anche in questo caso partecipando a un bando che negli scorsi tre anni la precedente Amministrazione non aveva preso in considerazione, ma che è importantissimo perché ci consente di proporre interventi per un ammontare complessivo di circa 11milioni e 800mila euro. Si è trattato di un lavoro molto delicato e impegnativo. Per questo desidero ringraziare gli uffici comunali della Direzione Sport e tutte le società sportive che hanno collaborato alla redazione delle domande di partecipazione comprensive dei progetti».

In quest’ottica spiccano i sette milioni di euro richiesti da Genoa e Sampdoria per rifare il look al Ferraris, due sono invece i milioni che le due società sarebbero disposte a spendere. Gli interventi previsti dall’idea progettuale sono la messa a norma e il passaggio a nuove tecnologie per gli impianti elettrici e speciali: la riqualificazione degli spogliatoi a normativa Uefa, la riqualificazione della tribuna Est per una fruizione da parte del pubblico più agevole e dotata di servizi per le famiglie.

Il Coni valuterà tutti i progetti nelle zone periferiche (in evidenza a Genova anche i due milioni richiesti per valorizzare l’area del Morgavi di Sampierdarena) e darà – solo in primavera – notizia dei vincitori del bando.


© RIPRODUZIONE RISERVATA