Museo Villa Croce, presentato il programma del 2018

Genova - E’ stato presentato questa mattina a Villa Croce il programma del 2018 delle principali mostre temporanee d’arte contemporanea.

Eventi - Sotto la guida del nuovo curatore Carlo Antonelli, dal 1 gennaio il Museo d’Arte Contemporanea vivrà una nuova fase. L’intervento culturale si articola in due fasi, una verticale e una orizzontale. La prima è un’azione di esplorazione e di ricerca del luogo in cui Genova è intesa come centro assoluto di ogni grande mostra temporanea: tutti i lavori partiranno dalla città, dalla sua memoria, dalla sua conformazione, dalla sua vita contemporanea e dalle sue glorie culturali, specie del 900. Da qui si relazioneranno con i centri di studi universitari e di ricerca presenti in città. La prima mostra si terrà dal 20 febbraio al 1 maggio 2018 e si chiamerà «Vita, morte, miracoli. L'arte della longevità». Dentro il Museo le manifestazioni creative della quarta e quinta età della vita vengono esplose e accompagnate da una serie sia di estensioni narrative sul tema, che di interventi scientifici sulle ricerche in corso, sulla salute continua, sulla longevità, sul prolungamento dell'esistenza e sull'immortalità.

Svolgimento - Le mostre temporanee principali saranno al primo piano del Museo. «Abbiamo deciso di concentrarsi su Genova – ha dichiarato il curatore Antonelli - perché siamo certi che facendo una esplorazione attenta della città troveremo un mondo intero. Inoltre i giovani avranno uno spazio molto forte in un’intera zona che recupereremo dalla cosiddette stalle dove c’erano i laboratori per bambini che sopravviveranno e che avranno un ruolo centrale. Ricaveremo una zona di gioco che stiamo costruendo insieme all’Accademia di Belle Arti e al Conservatorio per farne un continuo spazio di ascolto, visione, sovrapposizione, collaborazione».


© RIPRODUZIONE RISERVATA