Tra inferno e paradiso: questo derby dirà chi siamo

Genova - Mancano poco più di 24 ore e poi sarà “Derby della Lanterna”. La città è in fermento e nemmeno la pioggia riuscirà a fermare lo spettacolo del Ferraris.

Alla 115esima stracittadina si affronteranno due squadre dall’umore completamente opposto: il Genoa (una vittoria e tre pareggi nelle prime undici partite di serie A) avrà il compito all’apparenza più difficile, salvare la pelle e salvare la panchina di Juric; la Samp, invece, (20 punti e ancora una partita da recuperare) si presenta con l’entusiasmo di chi ha tutto da perdere, forte del record appena eguagliato di Vialli e Mancini (5 vittorie nelle prime 5 partite casalinghe).

Ma i pronostici si sà, per partite di questo tipo non esistono. Troppo alto rischio di essere poi smentiti. “La sfavorita alla fine vince” si diceva una volta. Ed è proprio per questo che il valore assoluto di quei 90 e più minuti può determinare una stagione. Può dare la sterzata a chi ha voglia di cambiare rotta, può dare l’accelerata a chi ha voglia di ampliare le rotte nazionali.

I rossoblù hanno preparato l’attesissimo match a Coccaglio (Brescia) e rientreranno a Genova in serata. Ivan Juric è pronto ad apportare alcuni accorgimenti nell'undici iniziale. Il modulo però rimarrà quasi certamente il 3-4-2-1. Con Perin tra i pali, a difesa della porta rossoblù ci saranno i “soliti” Izzo Rossettini e Zukanovic. Sulla sinistra agirà Laxalt, mentre a destra è sfida aperta tra Rosi e Lazovic. Nel cuore del centrocampo la coppia Veloso-Omeonga (favorito su Bertolacci). A supportare Lapadula, non al top ma più quotato di Galabinov, ci saranno Rigoni e Taarabt.

Chi di certo non snaturerà il proprio assetto tattico è Marco Giampaolo, fedele al suo 4-3-1-2. In porta - neanche a dirlo - Emiliano Viviano, già protagonista con il Chievo. La linea difensiva sarà composta da Strinic a sinistra, Bereszynski (o Sala) a destra con Silvestre e uno tra Ferrari e Regini al centro (con il primo favorito). In mediana spazio alle geometrie di Torreira, affiancato da Praet e Linetty (più di Barreto). Dietro il tandem Quagliarella-Zapata ci sarà molto probabilmente Ramirez, con Caprari pronto a vivacizzare il reparto offensivo a partita in corso.

Buon derby grifoni e marinai, che vinca il migliore… e che a beneficiarne sia lo spettacolo!


© RIPRODUZIONE RISERVATA