Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 12.00 del 14 Dicembre 2018

"Mi hanno rubato il prete", l'abbraccio infinito fra il Carmine e Don Gallo

`Mi hanno rubato il prete`, l´abbraccio infinito fra il Carmine e Don Gallo

Centro - Lunedì 2 Luglio 2018, in piazza del Carmine, a partire dalle ore 17:30, prenderà il via la 12° edizione della manifestazione popolare "Mi hanno rubato il prete", ideata ed organizzata dall'associazione "Cantiere di Idee del Carmine", con il Patrocinio e la partecipazione finanziaria del Comune di Genova Municipio I Centro Est.

La manifestazione racconta e rielabora sul territorio gli speciali percorsi incrociati di vita e affetto fra don Andrea Gallo ed il borgo del Carmine; nasce dalla riscoperta dei fatti storici datati 1970 nel quartiere, legati all'avvio del percorso pubblico del "prete da marciapiede", allora viceparroco, allontanato dalla Curia contro il volere degli abitanti, che reagirono con due grandi manifestazioni spontanee di piazza, finite persino sulle pagine di "Le Monde". Grazie a "Mi hanno rubato il prete", che ha portato nel tempo un contributo importante alla riqualificazione del borgo, quei fatti lontani sono diventati di pubblico dominio, ripresi da libri di successo e trasmissioni televisive dedicate a don Gallo (approfondimenti in calce).

"Mi hanno rubato il prete" (diventato nel tempo anche una mostra fotografica, una canzone, un cortometraggio ed un murales), "è un piccolo doppio miracolo", evidenzia l'ideatore Stefano Bruzzone del "Cantiere di Idee del Carmine": "grazie alla riscoperta documentata dei fatti del 1970, siamo riusciti a rimettere in circolo l'avvio del percorso pubblico di don Gallo, fino al 2007 relegato in poche righe di qualche libro e nel contempo a dare un contributo fondamentale per riqualificare il quartiere, scivolato dagli anni '70 in una sorta di "oblio" e "corto circuito" rispetto alla vita pubblica cittadina. Se il borgo oggi è tornato vivo e attivo, pieno di energie positive, ciò in fondo si deve proprio agli incroci di vita e affetto nel tempo tra il quartiere ed il "prete degli ultimi"; quest'anno, per evidenziare ulteriormente il carattere popolare della manifestazione, la sua unicità e la sua vocazione "unitaria", abbiamo deciso di togliere le pedane del palco, eliminando così le distanze tra le persone".

Mercoledì 27 giugno 2018 alle 13:00:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News