Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 19.55 del 15 Dicembre 2018

All'Altrove quarta e ultima giornata di "Fuori Formato"

All´Altrove quarta e ultima giornata di `Fuori Formato`

Centro - L’ultima giornata è dedicata alla videodanza e si svolge in un’altra sede, il Teatro Altrove, venerdì 29 giugno. Si chiude così, accolto da un’eccezionale presenza di pubblico che ha creato vere e proprie code sugli scaloni di Villa Bombrini, il III Festival internazionale di danza contemporanea e videodanza “Fuori formato”, a cura di Teatro Akropolis, Rete Danzacontempoligure e Augenblick, La rassegna è organizzata dal Comune di Genova e Teatro Akropolis con il sostegno di MiBACT e di Siae nell’ambito dell’iniziativa “S’illumina – Copia privata per i giovani, per la cultura”, in collaborazione con Società per Cornigliano.

Al Teatro Altrove vengono proiettati i filmati vincitori di Stories We Dance, divisi in due blocchi: la sezione nazionale Under 35 e la sezione internazionale.
Questo il programma del dettaglio: il festival inizia alle 18 con la proiezione dei film finalisti della rassegna di videodanza Stories We Dance, sezione nazionale Under 35, a cui interviene il giurato Antonio Tagliarini. Sono nove film: 1180 AND MORE di Riccardo De Simone, Italia 2016 (1’22’’); Cheoreography for toilets – Experiment 1 di Andrea Nevi, Italia 2017 (3’36’’); COSMOSI di Lorenzo Puntoni e Valentina Sansone, Italia 2018 (1’08’’); Il gioco dei ruoli di Lucrezia Delle Foglie, Italia 2018 (2’20’’); Metamorfosi di Jacopo Bernini, Italia 2018 (1’09’’); Saettanti Boummm di Pietro Firrincelli, Italia 2016 (1’10’’); Some Body di Francesca Puppini & Matteo Palmas, Regno Unito 2017 (2’38’’); Vacuum di Salvatore Insana, Italia 2018 (3’04’’); sarà inoltre proiettato Una città che danza, dance film conclusivo del laboratorio condotto da Augenblick.
Alle 19 va si torna allo spettacolo dal vivo con interior/a @ff di Eleonora Papapietro, suono di Guido Affini, con Olivia Giovannini, una narrazione trasformata in nudità caotica, un corpo trascinato nel desiderio, una scenografia che è solo memoria frammentata, mentre il suono irrompe e ci lascia in balia dei nostri demoni.
Infine alle 21 il festival si chiude con la proiezione dei film finalisti di Stories We Dance, sezione internazionale. Sono undici: BANG di Han Vesala, Danimarca 2016 (1’); Bird di Dunja Jocic e Marinus Groothof, Olanda/Serbia 2016 (17’); BODYHEAT di Matteo Marziano Graziano, Italia 2018 (2’19’’); Drop Out Bodies di Ludivine Large-Bessette, Francia 2017 (17’13’’); In, there was di Sarah C. Prinz, Stati Uniti 2017 (11’40’’); Keeping Balance di Berhard Wenger, Austria 2015 (5’13’’); Platform 13 di Camiel Zwarth, Olanda 2015 (13’51’’); Ravages di Alan Lake, Canada 2015 (14’); Sink or Swim di Michiel Vaanhold, Olanda 2013 (10’); This is HIT di Thomas Estournel, Francia 2016 (6’40’’); Through the supermarket in five easy pieces di Anna Marie Jóakimsdóttir Hutri, Finlandia 2017 (8’10’’). Seguiranno alle 23 le premiazioni finali e l’assegnazione delle menzioni speciali, compresa quella riservata al pubblico in sala.

Giovedì 28 giugno 2018 alle 13:30:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News