Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 11.05 del 16 Novembre 2018

L'enigma antropo-illogico

L´enigma antropo-illogico

- E’ imperscrutabile il motivo per cui alcuni individui, malgrado la loro reciproca inconciliabilità/i>, sono dominati dall’imprescindibile impulso di mettersi in coppia.

Se anche, a supporto, si riproducesse la canzone “Incompatibili e indivisibili”, di una Berti del 1999, e ne adducessimo causa all’idea di una completezza che solo la coppia può garantire, ne andrebbe comunque e subito obiettata la bontà, opponendo il trend negativo.

Tuttavia, notando il fenomeno nella sua estensione, un solido motivo potrebbe rifarsi alla nostrana tradizione educativo-sacrificale, gravante in specie sul genere femminile, cui però anche il genere maschile talvolta si ispira, collezionando interessanti casi di studio.

In effetti, il cardine della questione pare consistere in una tradizione che concepisce la coppia quale fase destinale e completiva dell’individuo, malgrado tale concezione implichi, non di rado, una costante capacità di adattamento. Condizione iniziale, già di per sé, presaga di sventure.

Sulla base della premessa, vale rimarcare un certo obbligo social-istituzionale per cui la coppia s’impone, a prescindere dalla “distanza” tra i componenti, che può orbitare tra quella “chilometrica” a quella “emotiva” (trascurando per semplicità la loro co-esistenza).

Premessa la diade, al primo tipo spetta la maggiore pubblica comprensione nel protendere alla coppia, vista la discontinua frequentazione e quindi la scarsa reciproca conoscenza, causata dal gravoso fattore logistico della lontananza geografica.

Tale comprensione si riduce dinanzi al secondo tipo, laddove la compulsiva spinta alla coppia si osserva in soggetti emotivamente immiscibili, la cui unione obbliga, pur tuttavia, nella costante frequentazione, all’evidenza giornaliera di contorcimenti adattivi.

Quindi, a seguito di una non condivisione della quotidianità, impossibilitata dalla distanza, è implicata l’idealizzazione qualitativa del rapporto, in funzione dell’anelata fusione.

Nondimeno, l’assidua frequentazione tra caratteri inconciliabili, pur fornendone comprova, fa comunque permanere la coppia, con titanico proposito, abbarbicata a tale innaturale mutualismo.

In conclusione, la soluzione di tal enigma antropo-illogico esige che si mantenga monitorato il trend r-esistenziale cui mediamente soggiacciono le coppie. In specie, quando idoleggiano, per mero istinto di sopravvivenza sentimentale, un quadro affettivo già in partenza rabberciato.

Domenica 9 settembre 2018 alle 11:30:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News