Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 12.00 del 19 Novembre 2019

Alluvione Genova: la rabbia dei parenti delle vittime su iter disciplinare

"chi ha sbagliato in Comune sia rimosso"
Alluvione Genova: la rabbia dei parenti delle vittime su iter disciplinare

Genova - Furenti polemiche da parte dei parenti delle vittime dell'alluvione di Genova del 2011 che chiedono al sindaco Marco Bucci di prendere posizione sul procedimento disciplinare che riguarda l'allora 'disaster manager' del comune Sandro Gambelli: con il permesso di Palazzo Tursi, sostengono, potrebbe passare a breve ad altro ente interrompendo e rendendo vano il procedimento stesso. Ne hanno parlato a margine della commemorazione della tragedia avvenuta otto anni fa. "La gente che ha sbagliato deve essere rimossa", dice Bernardo Sanfilippo, marito di Angela Chiaromonte, che ha perso la vita nell'alluvione del 4 novembre 2011. "Il procedimento disciplinare c'è stato per tutti i dipendenti coinvolti - spiega Marco Costa, papà di Serena -. E' stato bloccato, riaperto, ma a 8 anni di distanza il Comune non ha ancora preso una posizione e il 15 dicembre il procedimento si chiude". Il passaggio però di Gambelli all'Università, dicono i parenti delle vittime, interromperebbe il procedimento. Costa, quindi, chiede una presa di posizione da parte del Sindaco di Genova. "Io ho chiesto di parlare con il Sindaco - chiarisce - ma per ora le riunioni sono state rinviate".

Lunedì 4 novembre 2019 alle 15:36:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova


































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News