Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 19.30 del 10 Dicembre 2018

Apre l'Ufficio di Prossimità in Valpolcevera: integra servizi di giustizia e sanitari

Si trova in via Borghi, nel distretto dell'Asl 3 ed è aperto il mercoledì dalle 9 alle 12

Apre l´Ufficio di Prossimità in Valpolcevera: integra servizi di giustizia e sanitari

Genova - Apre in Valpolcevera l'Ufficio di Prossimità per fornire un servizio giudiziario vicino ad un territorio segnato dal crollo del Ponte Morandi. Si trova in via Bonghi 6, nei locali del Distretto socio-sanitario 10 della Asl3. Si tratta della fase iniziale del progetto del Ministero della Giustizia per delocalizzare le funzioni giudiziarie sul territorio e far fronte alla revisione delle circoscrizioni giudiziarie. La caduta del ponte Morandi ha portato alla scelta di collocare il nuovo ufficio in una zona dalla quale è molto difficile raggiungere gli uffici giudiziari.

L'Ufficio di Prossimità renderà più facile l'accesso ai procedimenti dove le parti stiano in giudizio senza l'ausilio di un legale e che trovano collegamenti con le attività sociosanitarie, permettendo così ai cittadini di avere un unico punto di contatto vicino al luogo in cui vivono e di disporre di un servizio completo e integrato di orientamento e consulenza. L'ufficio avrà a disposizione personale amministrativo del Municipio V Valpolcevera, e opererà grazie a legali volontari dell'Ordine degli Avvocati di Genova che presteranno l'attività a titolo gratuito.

Sarà aperto il mercoledì dalle ore 9 alle 12.

Enrico Ravera, presidente del tribunale di Genova, precisa: «Il fatto che il primo Ufficio genovese venga inaugurato proprio nel quartiere più colpito dalla tragedia del Ponte Morandi è un segnale cui attribuiamo un significato particolare: in un territorio in cui la mobilità è diventata difficile, è lo Stato che offre un servizio giudiziario fondamentale vicino ai cittadini. Abbiamo in corso di realizzazione progetti analoghi a Voltri ed a Sestri Ponente e l'obiettivo del Tribunale di Genova è di potere estendere questi uffici a buona parte dell'area cittadina»

Il governatore della Liguria, Giovanni Toti, spiega: «L'obiettivo di questo progetto è favorire una giustizia di prossimità, capace non solo di garantire la presenza sul territorio di punti di contatto e accesso al sistema giudiziario ma anche di raccordare questo sistema con le attività sociali, sociosanitarie e sanitarie, per garantire ai cittadini risposte complete, chiare, univoche e integrate». L'assessore alla Sanità, Sonia Viale, aggiunge: «La Liguria è una delle tre regioni individuate dal ministero per avviare l'iniziativa: a maggio ha iniziato la propria attività l'analogo sportello di Chiavari, il primo in Liguria, con alcune caratteristiche innovative che ritroviamo anche a Genova tra cui, in particolare, l'integrazione dei servizi della giustizia con i servizi sociali e sociosanitari del territorio erogati da Asl, Comuni e Terzo Settore».


Il sindaco di Genova, Marco Bucci, dichiara: «Le difficoltà che la Valpolcevera sta patendo a causa del crollo di ponte Morandi fanno in modo che la necessità di garantire servizi sul territorio ci porti a sperimentare servizi d'avanguardia. Vogliamo creare una rete capillare che possa mettere in condizione il cittadino di poter accedere a strumenti importanti senza dover fare il giro di mille uffici, come nelle più moderne città mondiali. Questo ufficio di prossimità ne è la prova tangibile ed è anche la prova di come le amministrazioni pubbliche, ad ogni vertice, si stiano adoperando per questa fetta della città di Genova che sta patendo un isolamento forzato».

Federico Romeo, presidente del Municipio V Valpolcevera, aggiunge: «Viste le difficoltà logistiche che il territorio sta affrontando, lo considero un esempio virtuoso della sinergia tra le Istituzioni che, ne sono fermamente convinto, hanno il compito di lavorare insieme per fare il bene di una comunità ferita che con orgoglio sta ritrovando il filo della speranza per il suo futuro».

Carlo Bottaro, Direttore Generale Asl3 precisa: «L'iniziativa è un ulteriore passo nella direzione dell'integrazione socio sanitaria sul territorio. Oggi con questo importante accordo, come già accaduto al Palazzo della Salute di Fiumara con l'apertura di un punto INPS, viene messo a disposizione dei cittadini un nuovo spazio all'interno del Poliambulatorio di Via Bonghi dove trovare risposte sui servizi giudiziari. L'ottica che ci spinge a promuovere iniziative di questo tipo è quella di costruire percorsi a misura di cittadino, che semplifichino la vita e che siano aderenti alle reali necessità. Nel caso specifico, chi si trova già all'interno di via Bonghi per visite e prenotazioni avrà a disposizione anche l'Ufficio di prossimità con la gamma di servizi che trovano collegamenti con le attività socio sanitarie».

Il presidente del Consiglio dell'Ordine degli avvocati di Genova, Alessandro Vaccaro, dichiara: «Con l'adesione a questo progetto, l'Avvocatura genovese conferma la propria vicinanza ai cittadini, soprattutto in questo delicato momento; vicinanza che questo Consiglio ha già avuto modo di manifestare con l'iniziativa, apprezzata a livello locale e nazionale, di istituire uno Sportello del cittadino straordinario per la popolazione colpita dalla tragedia del crollo del Ponte Morandi. Collaboreremo al fianco della Magistratura e delle Autorità per mettere al servizio dei cittadini le nostre competenze, in una sinergia di intenti che da un lato conferma la stima reciproca che da sempre caratterizza i rapporti tra Avvocati e Magistrati nel nostro Foro e dall'altro prosegue il dialogo costruttivo avviato con le Istituzioni locali».

Mercoledì 21 novembre 2018 alle 16:30:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News