Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 12.20 del 18 Dicembre 2018

Bucci vola oltremanica per una missione speciale: «Genova non è solo la città del ponte crollato»

Per la città
Bucci vola oltremanica per una missione speciale: «Genova non è solo la città del ponte crollato»

Genova - Il commissario Marco Bucci "smette" per qualche giorno - anche se solo sulla scena mediatica - i panni di commissario alla ricostruzione e vola come sindaco in missione a Londra. Un unico obiettivo: riaffermare la presenza e l’importanza della città sulla scena mondiale.
Proprio questa mattina, inoltre, il sindaco, l’assessore comunale al marketing territoriale Barbara Grosso e l’assessore regionale allo Sviluppo economico Andrea Benveduti hanno preso parte alla messa celebrata nella chiesa di St Peter in Clerkenwell in onore delle 43 vittime di Ponte Morandi: in questa occasione, Bucci ha deposto personalmente una corona di 43 rose bianche.

Il viaggio - Un modo per rilanciare l'eccellenza genovese nel mondo, ma non solo. All'alba della tragedia che ha sconvolto e messo in ginocchio Genova, Bucci ha raggiunto il Regno Unito per ridare alla città lo splendore che si è guadagnata nel corso dei secoli, tenendo sempre testa al continuo confronto con la storia. «La nostra città è internazionale oggi come lo era nel Seicento» racconta il sindaco in un'intervista a Il Secolo XIX, convinto che - nonostante la profonda ferita che porta nel cuore - Genova possa e debba comunque lottare per tornare agli antichi splendori. Il suo viaggio, insomma, non vuol essere altro che un tentativo per proporre la città e per attirare capitali e investimenti. «Non raccontiamo solo che è la città del ponte crollato: Genova ha moltissimo da offrire a chi vuole investire e intraprendere». Tanto ottimismo e voglia di fare, che - speriamo - confluiranno alla fine in un dialogo aperto e proficuo con gli interlocutori, tutti imprenditori e uomini d'affari, «gente che può far muovere le cose» insomma. «A loro non chiedo solo charity, ma di portare investimenti e impresa nella nostra Genova per creare economia e lavoro».

Domenica 2 dicembre 2018 alle 18:30:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News