Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 14.40 del 11 Dicembre 2018

Due mamme per una bimba, il Comune si oppone e la polemica infiamma Tursi: «Giocate con la vita dei bambini»

Un'invasione arcobaleno impazza in sala rossa con un unico obiettivo: affiancare le due neo mamme nella loro battaglia per il riconoscimento della bigenitorialità

Famiglia arcobaleno
Due mamme per una bimba, il Comune si oppone e la polemica infiamma Tursi: «Giocate con la vita dei bambini»

Genova - Non si placa la polemica contro la decisione del Comune di non riconoscere una famiglia omogenitoriale, composta in questo caso da due donne e la loro bambina.

La polemica - Il consiglio comunale si è spaccato su un argomento oltremodo vivo: le famiglie arcobaleno. Da una parte la giunta, che nei giorni scorsi ha esposto un reclamo al decreto di primo grado con cui il Tribunale di Genova ha ordinato la registrazione di entrambe le mamme nell’atto di nascita di una bambina genovese. Dall’altra buona parte dei consiglieri, rimasti interdetti e mostratisi profondamente contrari a questo provvedimento. «Noi non possiamo fare leggi: gli uffici comunali si limitano ad applicarle» afferma l’assessore Matteo Campora, spiegando come l’amministrazione comunale si sia semplicemente “adattata” a norme vigenti a livello statale: «Ora bisogna aspettare di vedere cosa dirà la corte d’appello, ed eventualmente aspettare anche la cassazione». Ma né l’opposizione né – tantomeno – la comunità arcobaleno genovese e il Coordinamento Liguria Rainbow si accontentano di questa spiegazione, tanto che dalle tribune della sala rossa arriva presto un grido: «Ci sono dei bambini di mezzo».

La famiglia coinvolta - «Noi al Comune chiediamo una cosa sola: la motivazione del reclamo». Esordisce così Ilaria Gibelli, presidente del coordinamento di Liguria Rainbow e avvocato delle due mamme che si sono trovate – loro malgrado – protagoniste di questa vicenda: se, infatti, con la sentenza del tribunale la neo famiglia arcobaleno si era vista tagliare un traguardo davvero importante, con il seguente reclamo del Comune si è altresì vista come sospingere di nuovo indietro. «Qua si tratta di aver dato un diniego in via amministrativa a una questione per cui noi abbiamo fatto ricorso in tribunale e abbiamo vinto in primo grado, con una sentenza che inequivocabilmente concede il diritto di questa bambina ad avere due madri». Non le manda certo a dire, insomma, l’avvocato Gibelli: «Si tratta di un diritto alla bigenitorialità di fronte a cui il Comune – non contento di questa sentenza – si è accanito a livello politico e ideologico prima ancora che giuridico, perché sinceramente riteniamo che il diritto sia dalla nostra parte». «Ora aspettiamo la notifica del reclamo fatto dal Comune» conclude Gibelli: «A quel punto chiaramente noi proseguiremo sulla nostra strada, anche perché il tribunale ha già sancito la nostra posizione in precedenza».

Martedì 27 novembre 2018 alle 14:45:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News