Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 21.45 del 9 Dicembre 2018

Liguria Pride 2018, scatta l'Allerta Rainbow per le strade di Genova

Una pioggia di colore investirà la città nel pomeriggio di sabato 16 giugno

LIGURIA PRIDE
Liguria Pride 2018, scatta l´Allerta Rainbow per le strade di Genova

Genova - Nonostante il mancato patrocinio comunale, anche quest'anno il Liguria Pride arriva a colorare le strade genovesi - dove già dalle 15 di sabato 16 giugno è prevista una vera e propria #AllertaRainbow.

La manifestazione - Il titolo dell'edizione 2018 del Liguria Pride è uno scherzoso "Allerta Rainbow", a cui è naturalmente seguito un omonimo hashtag social.
In una regione come la Liguria, costantemente investita da allerte meteo più o meno preoccupanti, Liguria Rainbow ha scelto di invitare la cittadinanza a prendere parte alla manifestazione in un modo un po' ironico, perché in Italia «proprio mentre sono in aumento il riconoscimento dei diritti delle "nuove ma sempre esistite" famiglie arcobaleno, si addensano le nuvole nere dell'omofobia, del razzismo della crisi sociale ed economica».
Gli stadi dell'allerta sono fondamentalmente quattro:
- Allerta VERDE. «Siamo in allerta, il clima sta cambiando (anche in meglio)».
- Allerta GIALLA. In uno scenario come quello attuale, si raccomanda di distinguere attentamente i veri pericoli da quelli falsi - come il fatto che nessun nuovo diritto potrebbe minacciare le libertà altrui.
- Allerta ARANCIONE. In aumento le "polveri sottili" dell'intolleranza: è necessario «affermare i principi di parità ed equità e intervenire insieme nel cuore della società».
- Allerta ROSSA. Attenzione alle ultime affermazioni del ministro Fontana: le Famiglie Arcobaleno han fatto sapere che «non arretreranno di un centimetro».

La polemica iniziale- A seguito del rifiuto delle istituzioni di patrocinare l'edizione 2018 del Pride - considerate per lo più «ripicche di una politica in agonia» - sono stati numerosi i patrocini "dal basso" che ne hanno comunque reso possibile l'organizzazione.
In questo frangente, molti degli interessati hanno definito il diniego di Comune e Regione sconfortante, in quanto «un conto è non dare il patrocinio per motivi ideologici, un altro è non riconoscere entrambi i genitori ai nostri figli». Ad oggi le famiglie arcobaleno in Liguria - secondo i dati di Liguria Rainbow - sono 25, di cui 16 a Genova. «Anche la Merkel, democristiana e cattolica convinta, si è aggiornata e ha riconosciuto i nostri diritti: se Bucci non fa altrettanto allora non è il sindaco di tutti come vuole far credere» hanno detto esasperati alcuni degli interessati.
Proprio in virtù di questa polemica sono nati alcuni degli hashtag che accompagneranno la manifestazione. Oltre al già citato #AllertaRanbow e al più "istituzionale" #LiguriaPride2018, quest'anno i social sono già stati invasi da #ilpatrociniosonoio e #offensiviedivisivi, entrambi diretta risposta alle istituzioni.

La manifestazione - Pacifico e colorato, quest'anno il Liguria Pride prevedrà un iniziale concentramento in via San Benedetto a partire dalle 15 e partenza alle 16 in direzione De Ferrari. Alla fine del corteo, dopo aver attraversato tutto il centro della città, saliranno sul palco due testimoni d'eccezione: Cecilia Strada - attivista e dirigente di Emergency - e Marilena Grassadonia - presidente di Famiglie Arcobaleno.
La parata terminerà poi con due appuntamenti: un aperitivo ai Giardini Luzzati e - per chi riuscirà a resistere fino alle 23 - un after party al Banano Tzunami.

Martedì 12 giugno 2018 alle 12:30:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News