Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 20.15 del 22 Novembre 2019

Nodo ferroviario, Fillea Cgil: «In 40 senza lavoro e da maggio in cassa integrazione»

Nodo ferroviario, Fillea Cgil: «In 40 senza lavoro e da maggio in cassa integrazione»

Genova - «I 40 dipendenti della Società Astaldi S.p.A. Commessa Nodo Ferroviario Genova Brignole/Voltri del settore edile sono in cassa integrazione dallo scorso dicembre. La vicenda della realizzazione del Nodo Ferroviario di Genova è risaputa, triste nella sua ennesima interruzione, ed inaccettabile per un Paese che ha un bisogno vitale di questa infrastruttura»: così Federico Pezzoli Segretario Generale Fillea Cgil Genova e Liguria e Marco Rubini Rsa Fillea Cgil Astaldi Genova.

Lavoro - «Quello che non tutti sanno è la grottesca situazione che gli ultimi lavoratori rimasti in forza ad Astaldi-Genova si trovano ad affrontare dal mese di maggio. Si tratta di 30 operai e 10 impiegati, messi da un giorno all'altro in cassa integrazione a causa della rescissione contrattuale dovuta allo stop delle lavorazioni. Dall'aprile scorso i lavoratori sono senza occupazione e senza il riconoscimento della quota mensile di cassa integrazione prevista per legge. Il sindacato ha chiesto ripetutamente delucidazioni sul mancato riconoscimento economico di quanto previsto, sollecitando sia l'Azienda nella produzione della documentazione necessaria all'Inps per l'attivazione della procedura, sia l'Inps stessa di Genova, senza purtroppo alcun risultato se non un balletto tragicomico di rimpallo reciproco delle responsabilità. Il risultato non è altro che la condizione a dir poco imbarazzante che ha lasciato ben 40 lavoratori ancora oggi in attesa della cassa integrazione da maggio e per i mesi successivi. La Fillea Cgil ribadisce l'importanza della ripresa dei lavori e della realizzazione dell'opera, strategica non solo per Genova, ma per tutto il traffico ferroviario del Nord-Ovest del Paese, dato che questa infrastruttura è parte accessoria/integrante della tratta del Terzo Valico Milano-Genova: è quindi improrogabile da parte del nuovo Governo, visto che l'Azienda è in concordato preventivo, la nomina della figura del Commissario Straordinario indicata nel Decreto Sblocca cantieri divenuto ormai Legge, il quale potrà dare il via alla ripresa delle lavorazioni interrotte da inizio anno».

Venerdì 30 agosto 2019 alle 13:45:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova


































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News