Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 18.50 del 23 Agosto 2019

Numero Unico delle Emergenze, la Centrale Operativa ha ricevuto 1.001.118 chiamate

Numero Unico delle Emergenze, la Centrale Operativa ha ricevuto 1.001.118 chiamate

Genova - L’Ospedale Policlinico San Martino ha celebrato stamani la giornata europea dedicata al Numero Unico delle Emergenze 112. Per l’occasione, essendo la Liguria fra le 8 regioni d’Italia che dispongono della centrale di ricezione e coordinamento di tutte le chiamate urgenti per Sanità, Forze dell’Ordine, Vigili del Fuoco e Guardia Costiera, l’Ospedale ha coinvolto nel corso di un Open Day alcune scuole del territorio, che si sono interfacciate con i rappresentanti di tutti gli enti che collaborano al progetto.

Emergenza - La direttiva europea prevede che attraverso il 112, sia da telefono fisso che da cellulare, il cittadino possa chiedere l'intervento di emergenza grazie a una centrale operativa in grado di smistare la richiesta al terminale adeguato. Il servizio consente una maggiore rapidità degli interventi di soccorso e la razionalizzazione dei costi e delle risorse. Il servizio prevede l'accessibilità anche a persone con disabilità e un servizio di risposta multilingue, con 28 idiomi diversi fin ad oggi adottati.

Richieste - La Centrale Unica di emergenza è una centrale laica di risposta (ovvero composto da operatori non appartenenti a forze specifiche), denominato PSAP1 (Public Safety Answering Point 1) o ‘Centrale di Primo Livello’, che si posiziona tra l'utente e le centrali operative specifiche (Pubblica Sicurezza, Arma dei Carabinieri, Vigili del Fuoco ed Emergenza Sanitaria). Componendo qualsiasi numero dell’emergenza (112, 113, 115, 118) il cittadino entra in contatto con l’operatore della Centrale di Primo Livello: questa funge da "filtro" delle chiamate improprie, ossia quelle non classificabili come emergenza (scherzi, richieste di informazione o chiamate per errore); ciò permette di inoltrare alla Centrale di Secondo Livello (detta PSAP2) solo le chiamate proprie, le quali necessitano effettivamente di un intervento di soccorso. L'operatore del PSAP1, ricevuta la chiamata e accertatosi della situazione, trasferisce la telefonata e i dati raccolti (localizzazione ed identificazione del chiamante) al centralino dell'autorità competente per la risoluzione dell'emergenza.

Risposta - Le chiamate hanno generalmente ricevuto la risposta prima del secondo squillo (in media in 6,6’’) e sono state correttamente prese in carico dalla centrale di secondo livello più utile alle necessità dell’utente in meno di un minuto e mezzo (media 81’’). Le chiamate che hanno avuto un tempo di risposta ritenuta ottimale entro i 10 sec sono state 886,700 pari all’88,57% di tutte le chiamate complessive. Il dato di localizzazione dell’utente associato alla fonia si è ottenuta nel 93% dei casi.

Sanità - Importante l’attività di filtro, soprattutto nei confronti delle forze dell’ordine, pari complessivamente al 44,61% con una considerevole riduzione del carico delle chiamate verso le centrali di secondo livello. Il numero 112 viene sempre più spesso utilizzato dalla popolazione: in particolare le richieste per l’emergenza sanitaria effettuate attraverso il numero 118 sono passate dal 70 % del febbraio 2017 al 51% di dicembre 2018.

Prove «Il San Martino, da sempre al servizio di Genova e della Liguria, è orgoglioso di gestire una struttura così importante come l’112 – sottolinea il Direttore Generale Giovanni Ucci - che, attivato il 14 febbraio 2017, oggi compie quasi 2 anni. Oltre un milione di chiamate per superare prove impegnative come il crollo del ponte Morandi o la grande mareggiata dello scorso ottobre. Siamo impegnati per un miglioramento continuo dell’attività consapevoli della sua importanza strategica per la gestione integrata dell’emergenza e del soccorso in abito regionale. Il collegamento in tempo reale della CUR 112 con la centrale operativa della polizia municipale di Genova permetterà di evitare inutili aggravi e perdite di tempo per le forze dell’ordine nei casi di incidenti minori in ambito urbano».

Sicurezza - «Il Numero Unico 112 – afferma la vicepresidente e assessore alla Sanità di Regione Liguria Sonia Viale – svolge non sono un imprescindibile ruolo di coordinamento tra le diverse forze che intervengono in caso di emergenza ma assicura anche un filtro rispetto alle chiamate inappropriate. Questo significa che grazie all’112 vengono smistate a 118, 115, Polizia e Carabinieri solo le telefonate che servono per salvare vite o garantire la sicurezza delle persone. Non possiamo dimenticare quanto accaduto il 14 agosto a Genova: il sistema di emergenza che ha dato una risposta immediata ed efficace di fronte a quella immange tragedia e il 112 è stato il punto di riferimento per i soccorsi. Sono fiera ed orgogliosa – conclude – di tutto il personale che opera alla centrale operativa e, in generale, del settore sanitario».

Competenza - «Il coordinamento tra i diversi soggetti coinvolti nel fornire un servizio all’utente è fondamentale e nel campo della gestione dell’emergenza è ancora più importante che il cittadino sappia di poter essere assistito con professionalità e competenza da chi riceve la sua richiesta di aiuto – aggiunge l’assessore alla Sicurezza e alla Polizia Locale del Comune di Genova Stefano Garassino - Non posso dunque che complimentarmi con tutti gli operatori del 112 per l’efficienza con cui hanno sempre dimostrato di poter fornire il servizio e sono sicuro che il contributo della Polizia Municipale potrà essere sempre più importante, anche grazie ai nuovi ruoli in cui gli agenti si stanno specializzando nel campo della sicurezza e della lotta al degrado».



Lunedì 11 febbraio 2019 alle 12:25:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova


































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News