Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 16.30 del 23 Settembre 2019

Ponte Morandi, Arpal aumenta il monitoraggio dell'aria

Ponte Morandi, Arpal aumenta il monitoraggio dell´aria

Genova - Arpal intensifica l’attività di monitoraggio dell’aria nell’area di demolizione del Ponte Morandi. In questi giorni si sta ultimando l’installazione degli strumenti a integrazione dell’usuale rete di monitoraggio della qualità dell’aria a Genova.

Sostanze - I due mezzi mobili, attrezzati con campionatori e analizzatori per polveri sottili, ossidi di azoto, biossido di zolfo, monossido di carbonio, ozono e benzene, sono stati spostati da Fegino e Sestri (ultimo giorno di misura in quelle postazioni, consultabile sul sito www.arpal.gov.it , lunedì 10 giugno); adesso sono posizionati nel parcheggio di interscambio di via Ristori, a Certosa, e in lungomare Canepa, a Sampierdarena.

Strumenti - Da venerdì 7 è stato attivato un misuratore di PM2.5 in via Porro, e sono stati posizionati due campionatori gravimetrici per le polveri sottili PM10 di tipo ventoselettivo, cioè capaci di individuare la direzione di provenienza delle polveri, a monte e a valle delle pile 10 e 11. Ieri sono stati installati due polverimetri automatici certificati: sono strumenti che misurano in continuo la quantità di polvere presente in aria, suddividendola in base alle dimensioni in classi di granulometria: 1, 2.5 e 10 micrometri.

Tali strumenti sono arrivati nel capoluogo ligure grazie alla collaborazione di Arpa Val d’Aosta (operazione condotta in ambito Snpa - Sistema nazionale di protezione dell’ambiente) e Orion, azienda specializzata nel monitoraggio della qualità dell’aria e sono stati posizionati uno a valle della pila 11, all’interno del cantiere, l’altro a nord della pila 10, sul tetto di un edificio della Rete ferroviaria italiana.

Sensori - Oggi sono stati posizionati 4 deposimetri (più una postazione per il cosiddetto bianco) e 6 sensori “stand-alone” (microcampionatori capaci di monitorare finestre da 20 giorni/1 mese) per una valutazione capillare della polverosità. Tali strumenti, infatti, permettono di integrare e infittire i dati misurati con strumentazione più sofisticata. Fra le attività ancora in essere, la riattivazione della centralina di piazza Masnata, a Sampierdarena, per cui manca ancora l’allaccio alla corrente elettrica.

Venerdì 14 giugno 2019 alle 16:15:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova


































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News