Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 12.00 del 24 Settembre 2018

Sangue e impronte: così la polizia ha incastrato un big della droga

Sangue e impronte: così la polizia ha incastrato un big della droga

Genova - E’ stato incastrato dalle tracce di sangue e dalle impronte lasciate sui sacchi di cocaina il narcotrafficante internazionale di nazionalità tanzana di 40 anni arrestato dalla Polizia di Stato di Genova perché ritenuto responsabile del trasporto in Italia a bordo di una nave portacontainer di quasi 300 chili di cocaina. Proseguono le indagini da parte degli agenti al fine di risalire all’intera filiera che gestisce i traffici di droga che vedono il porto di Genova quale importante crocevia per l’introduzione dei carichi di stupefacente.

Sequestro - «Sul porto di Genova - ha spiegato Cristiano Leggeri, dirigente della direzione centrale servizi antidroga - abbiamo la massima attenzione, così come per gli altri importanti scali italiani perché importante crocevia del traffico di stupefacenti. Siamo davanti a professionisti del crimine, che di volta in volta cambiano tecnica di trasporto per non farsi scoprire. L'attenzione è anche alta perché questi reati sono precursori anche di altri traffici».

Droga - «Di sicuro - ha sottolineato il procuratore capo di Genova Francesco Cozzi - ci vuole una rete per fare salire a bordo e poi trasbordare un ingente quantitativo del genere. E noi stiamo cercando di risalire a tutti i vari protagonisti».

Lunedì 12 marzo 2018 alle 15:50:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News