Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 20.45 del 24 Maggio 2019

Vallate genovesi, firmato il protocollo tra comune e università

Vallate genovesi, firmato il protocollo tra comune e università

Genova - La salvaguardia e la prevenzione dei rischi ambientali delle vallate genovesi al centro della convenzione sottoscritta oggi a Palazzo Tursi tra Comune e Università di Genova che si propone di dare il via a un percorso comune per la progettazione ragionata degli interventi da eseguire nelle valli grandi e piccole che si estendono a ventaglio intorno alla città.

In rappresentanza del Comune di Genova, su delega del sindaco Marco Bucci, l’assessore ai Lavori pubblici e valorizzazione delle vallate Paolo Fanghella, e del dipartimento Architettura e Design – Scuola Politecnica dell’Università degli Studi di Genova, Niccolò Cassiddu.

Ecco gli obiettivi della convenzione: lo sviluppo di ricerche volte alla salvaguardia e prevenzione dei rischi ambientali, la riqualificazione e la valorizzazione delle risorse produttive locali, la partecipazione a progetti su programmi comunitari per finanziare gli interventi di marketing territoriale e di sviluppo locale.

Queste tematiche, compresi il recupero e la valorizzazione del nostro territorio, verranno affrontate dal laboratorio Geomorfolab, coordinato dal professor Gerardo Brancucci e dalla struttura progettazione idrogeologica e geotecnica del Comune di Genova, diretta dal geologo Giorgio Grassano e composta da Giulia Dell’erba (paesaggista), Antonietta Franzè (geologo), Marianna Reggio (ingegnere idraulico) e Daria Franzetti (ingegnere civile).

La convenzione avrà costo zero e durata quinquennale rinnovabile. Molti gli interventi già realizzati in questi anni dalla struttura progettazione idrogeologica e geotecnica del Comune di Genova, tra cui, per esempio, in Val Cerusa, in località Sambuco e in località Fiorino.

«Questa convenzione firmata dal Comune e dal dipartimento di architettura – hanno dichiarato Gerardo Brancucci e Giorgio Grassano – è un’occasione unica per affrontare le problematiche del territorio vallivo, non solo per quanto riguarda la messa in sicurezza idrogeologica, ma al fine del recupero e della riqualificazione, ricostruendone l’aspetto il più vicino possibile all’originale».

Giovedì 11 aprile 2019 alle 12:45:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova


































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News