Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 14.40 del 11 Dicembre 2018

Violenza sulle donne, il Comune dice basta: arriva SicurInsieme 2018

CORSI DI AUTODIFESA
Violenza sulle donne, il Comune dice basta: arriva SicurInsieme 2018

Genova - A seguito di una mozione in cui il sindaco e l'assessore alla Sicurezza si impegnavano a istituire adeguati corsi di autodifesa - rivolti soprattutto alle cittadine genovesi - è stato elaborato il progetto "SicurInsieme 2018", ad oggi arrivato alla sua II Fase.

Violenza - «Sono contento di aver appoggiato questa iniziativa. Sono molto parte in causa, perchè per le donne mi sento pronto a fare di tutto - ha dichiarato l'assessore comunale alla sicurezza Stefano Garassino - Come diceva Martin Luther King, mi spaventa più l'indifferenza della violenza: in questo senso ringrazio anche molto i centri antiviolenza, che hanno aiutato tanto gli elementi più deboli. Dobbiamo uscire da un mondo che crea molte discriminazioni, una sorta di Apartheid quasi. Bisogna cambiare, anche le quote rosa in politica non vanno così bene; perché una donna non può far carriera solo perché è brava e non in virtù di qualche quota? Bisogna sia punire gli aggressori che educare fin da bambini i cittadini, e togliere qualche pregiudizio: la donna nel lavoro non deve essere vista come una che ha fatto carriera perché è bella, così come non bisogna giudicare le donne per come si vestono. La politica può e deve fare la sua parte. La campagna regionale con testimonial uomini ne è l'esempio. Bisogna cambiare, noi non possiamo fare miracoli, ma con tante iniziative come questa si può iniziare bene».

Corsi gratuiti - Successivamente ha preso la parola Francesca Corso consigliere comunale della Lega Nord: «Ho pensato di portare all'attenzione del Consiglio questa mozione proprio in virtù del periodo in cui viviamo. Le donne devono denunciare, sia per uscire dalla loro situazione che per porre rimedio a queste situazioni e per questo abbiamo pensato di offrire questi corsi gratuiti per aiutare le donne, per aiutarle a fronteggiare un'emergenza di cui è davvero triste dover ancora parlare. Non vogliamo sostituirci alle forze dell'ordine, ma aiutare tutte le donne vittime di violenza - sia in casa che fuori - a reagire. Serve a tutte le fasce deboli, ma alle donne soprattutto: il fatto di averla presentata proprio a pochi giorni dalla giornata internazionale contro la violenza sulle donne (25 novembre) è un segnale davvero forte»

Difesa - «Per aiutare le donne che vivono e lavorano a Genova abbiamo studiato quel che succede già ad esempio a Milano e in altre città d'Italia per proporre questi corsi gratuiti. Ci sarà una prima parte teorica, di spiegazione delle modalità di difesa, e una pratica, di corsi veri e propri - ha proseguito Anna Alessi, responsabile Politiche di Sicurezza Urbana del Comune di Genova - La mozione risale a luglio, ed era in programma presentare il progetto a settembre per renderlo concreto a novembre. Con tutto quello che però è successo nel frattempo abbiamo deciso di posticipare la data, quindi ora partirà una manifestazione d'interesse da cui partirà il vero progetto. SicurInsieme 2018 - che ormai si realizzerà concretamente nel 2019 - prende il nome dal progetto dei cubi antiterrorismo e vuole esserne il naturale erede: avremo gran parte degli stessi sponsor della prima SicurInsieme, e verrà coinvolta gran parte della città. Hanno aderito nove municipi genovesi, e cercheremo di coinvolgere un'associazione per ciascuno: così speriamo di avere più adesione e di agevolare tutti, anche chi avrebbe difficoltà a spostarsi se il luogo di questi quattro incontri fosse uno solo più centrale», ha concluso Anna Alessi.

Martedì 20 novembre 2018 alle 11:30:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News