Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 09.00 del 22 Agosto 2018

«Il calcio: da sport a business», lunedì alla Berio

«Il calcio: da sport a business», lunedì alla Berio

Genova - Lunedì 5 febbraio alla Biblioteca Berio «Il calcio: da sport a business», con il presidente della Virtus Entella, Antonio Gozzi.

«Se le origini del gioco del calcio, con connotati però ben lontani dagli attuali, si possono far risalire addirittura al tempo dei greci e dei romani, i primi incontri che potevano somigliare a quelli attuali, caratterizzati dalla lotta per il possesso di una palla per poi collocarla entro un limite prestabilito, ci portano nella Firenze dei Medici, quando ogni anno a Carnevale, senza esclusone di colpi s’ incontravano due squadre di 15 giocatori: indossavano una divisa verde quelli che abitavano sulla sponda sinistra dell’Arno e una bianca quelli della sponda destra. Ma il gioco del calcio moderno avrà le sue origini a Londra dove, in una taverna di Framassoni, nel 1863 nacque la Football Association che in breve diffuse quel nuovo sport con un complesso di squadre che, a partire dal 1889, disputarono il primo campionato inglese. E nel 1893 era stato proprio il console inglese a Genova a partecipare alla fondazione del Genoa crickett and athletic club, che sei anni più tardi, ad opera di un altro inglese, sir James Spenseley, assunse il nome di Genoa crickett and football club, includendo così il gioco del calcio tra le varie attività di quella associazione sportiva; altre società (anche) calcistiche nacquero in quegli anni in Italia, dove nel 1898 si disputò il primo campionato di calcio. Quest’attività era nata con due punti di riferimento costanti: i più sani principi della pratica sportiva come educazione, rispetto dell’avversario, cavalleria, formazione umana attraverso la leale contesa nonché lo spirito di appartenenza al luogo che la squadra rappresentava, sebbene questo non fosse sempre esplicitamente dichiarato, come nel caso della torinese Juventus, della milanese Internazionale, della bergamasca Atalanta o della ferrarese Spal che, fondata da un sacerdote salesiano, portava nel suo nome l’acronimo di Società polisportiva ars et labor: il gioco del calcio era dunque considerato nelle sue origini in Italia come un’occasione di formazione umana attraverso la fatica e la sana competizione, uno sport tuttavia non ancora diffuso come altri (il ciclismo e l’atletica) che avevano una più marcata matrice popolare».

Giovedì 1 febbraio 2018 alle 10:00:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova
































Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News