Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 21.55 del 21 Novembre 2019

"Italian way ok cooking – Pizza, mostri e mandolino", il 2 luglio alla Feltrinelli

`Italian way ok cooking – Pizza, mostri e mandolino`, il 2 luglio alla Feltrinelli

Genova - Martedì 2 luglio, alle ore 18, alla libreria Feltrinelli (via Ceccardi, 18/24r) è in programma la presentazione del romanzo "Italian way ok cooking – Pizza, mostri e mandolino" di Marco Cardone, sequel del primo libro "Italian way of cooking" della casa editrice Acheron Books. Il primo volume è stato un vero caso letterario nell'ambiente del fantastico.

Con questo nuovo romanzo, lo scrittore genovese continua a raccontare le avventure del cuoco toscano cucina-mostri Nero Bonelli, questa volta a Napoli alle prese con una città piena di fascino, storia e sole, ma flagellata da una sanguinosa guerra di Camorra. Qui, con la classica ironia che contraddistingue i suoi romanzi, Cardone racconta il retrogusto amaro di una città splendida, ma allo stesso tempo misteriosa e oscura come Napoli. «Si tratta di un romanzo che mischia diversi generi ed elementi – spiega l'autore Marco Cardone – Credo che la bellezza e, allo stesso tempo, la difficoltà sia proprio questa: dosare alla perfezione tutti gli ingredienti – il fantasy, il thriller, l'ironia, la cronaca – e raccontare una tematica così delicata e importante come la Camorra senza cadere nel grottesco. L'alchimia è tutto, proprio come in una ricetta culinaria».

Presentato in anteprima al Salone del Libro di Torino, il romanzo è il sequel dell'acclamato "Italian way of cooking", pubblicato nel 2016 e divenuto un caso letterario per le sue tinte fantasy e pulp unite a elementi ironici e culinari. Arrivato nella cinquina finalista del Premio Carver Italia 2016, il romanzo è stato uno dei libri più recensiti di quell'anno. Oggi è considerato un long seller, le cui vendite aumentano di anno in anno; un fenomeno in continua ascesa che potrebbe presto trasformare il romanzo nella sceneggiatura di un film.

Con "Italian way of cooking – Pizza, mostri e mandolino", Cardone si conferma un esponente di rilievo del "fantastico italiano", un genere ben radicato in Italia, ma spesso sottovalutato. «Come il suo prequel, anche questo romanzo appartiene al fantastico italiano – continua Cardone – si tratta di un genere che in Italia spesso viene considerato cadetto. In realtà, però, fa parte della nostra tradizione, basta pensare a Collodi, Boccaccio e Calvino. Con questo romanzo, il mio obiettivo è quello di contribuire a rilanciare questo genere letterario, considerato da molti incapace di trattare tematiche importanti, ricordando nel mio piccolo che il fantastico è da sempre il veicolo per parlare d'importanti realtà umane, come i lavori di grandi autori quali Kafka, Calvino e Matheson, solo per citarne alcuni, stanno a testimoniare».

Lungo quasi il doppio del precedente, "Italian way of cooking – Pizza, mostri e mandolino" dosa perfettamente al suo interno diversi ingredienti: dall'enogastronomia al thriller, dal fantasy alla commedia, dal pulp alla cronaca cittadina. Ambientato a Napoli, alterna il vernacolo toscano tipico del protagonista alla lingua napoletana, limata e curata al fine di renderla comprensibile a tutti i lettori. Come il primo romanzo, racconta le avventure del "monsterchef" Nero, questa volta impegnato insieme al socio Mirco nella preparazione di un banchetto nuziale a Napoli. Città che darà loro del filo da torcere, nella quale i mostri non saranno la cosa peggiore da affrontare. «Anche in questo romanzo racconto le vicende dello chef cucina-mostri Nero – racconta Cardone – Torneranno anche i mostri, reali e metaforici, in particolare una creatura ispirata a IT di Stephen King, un omaggio a uno dei più grandi scrittori dei generi fantasy e horror e grande indagatore dell'anima umana. In realtà, il mostro più grande è la Camorra, raccontata utilizzando il fantastico come trampolino per affrontare problemi e situazioni reali in chiave metaforica. Fra misteri, sparatorie, piatti tipici, spiriti campani, amanti gelose, cantanti neomelodici e cacce a orrori senza tempo, i due cuochi scivoleranno in un vortice in cui sarà impossibile stabilire chi sia il cacciatore e chi la preda».


Martedì 18 giugno 2019 alle 10:00:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova


































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News