Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 17.30 del 13 Dicembre 2018

"L'uomo, la Bestia e la Virtù», dal 20 novembre alla Sala Mercato

`L´uomo, la Bestia e la Virtù», dal 20 novembre alla Sala Mercato

Genova - Fra le tante e decisive riflessioni che Pirandello fece sull’umorismo, inteso come una forma di percezione della realtà, “L’uomo, la bestia e la virtù” resta una delle più inesorabili ed attuali. Una farsa che continua a riscuotere successo sui palcoscenici di tutto il mondo, forse anche per l’autorevole giudizio che ne diede il critico teatrale Silvio D’Amico nel 1922: “Tutto è trattato con spirito originale e in tutto s’avverte un sapore acre e nuovo non conosciuto nel nostro teatro prima che Pirandello vi apparisse.”
A firmare la regia dello spettacolo (fuori abbonamento) è Andrea Battistini, fino al 17 novembre protagonista insieme agli altri attori, della lettura scenica de “Il Maestro e Margherita” di Bulgakov nel foyer della Corte, durante la pausa pranzo.

Al centro della farsa pirandelliana c’è un triangolo che si perde nelle radici del teatro e della novellistica: “l'uomo” è il professor Paolino che nasconde sotto un ostentato perbenismo, la tresca con la signora Perella, che sembra un modello di “virtù”. Una morigerata e pudica madre di famiglia praticamente abbandonata dal marito, il capitano Perella, che appare agli occhi della gente come una “bestia”. Egli convive con una donna a Napoli e, nelle rare occasioni in cui torna dalla moglie rifiuta, con ogni pretesto, di adempiere ai propri doveri coniugali.
Tutto secondo le convenzioni del triangolo ottocentesco: in agguato però c’è la vita, che viene a scompaginare quel piccolo mondo di ipocrisie.
La signora Perella infatti scopre di aspettare un figlio dal professor Paolino: ai due allora, non resta che escogitare un piano per rimettere in piedi il fasullo ordine borghese.

“La civiltà vuole che si auguri il buongiorno a uno che volentieri si manderebbe al diavolo. In corpo il fiele e in bocca il miele” è una delle più significative battute della pièce che fra equivoci, inganni, afrodisiaci e risate, traccia un divertente e spietato ritratto di un’umanità che sventola falsi valori morali e appena può ricorre all’inganno.

Inizio spettacoli ore 20.30, giovedì ore 19.30.
Lo spettacolo è fuori abbonamento. Biglietti: Intero €15, Abbonati Teatro Nazionale €12, Giovani (entro i 26 anni) €10.

Martedì 13 novembre 2018 alle 16:00:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News